Carta dei Servizi
  •  

AMBITO ESTRATTIVO DI CAVA: APPROVAZIONE PROGETTO

A chi rivolgersi

Direzione Organizzativa IV – Viabilità e Infrastrutture
Servizio Ambiente – Ufficio Difesa del Suolo
Responsabile del procedimento: Francesco Tagliaferri
Luciano Leusciatti
Marzia Fumagalli
Tel. 0341 295228-232
Fax 0341 295333
E-mail marzia.fumagalli@provincia.lecco.it

Orari: lun-mer: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 17.30; mar-gio-ven dalle 9 alle 14

Normativa di riferimento

L.R. 14/98; D.G.R.L 10316/02.

Di cosa si tratta

Descrizione del procedimento

La Provincia approva, per ogni ambito territoriale estrattivo, il progetto di gestione produttiva dell’area nel contesto territoriale ambientale, anche con la previsione degli interventi di reinserimento. Prima dell’approvazione, la Provincia verifica di compatibilità con il piano cave provinciale vigente e con le norme di polizia mineraria e acquisiti i necessari nulla osta e pareri. Se l’ambito ricade all’interno di un Parco regionale viene richiesto apposito parere tecnico all’Ente gestore del parco stesso. E’ prevista la convocazione della consulta provinciale per le attività estrattive di cava per l’acquisizione del parere di competenza.

A chi interessa

Ditte operatrici di settore interessate ad intraprendere l’attività estrattiva di cava all’interno dell’ambito territoriale estrattivo individuato dal piano cave provinciale.

Cosa bisogna fare

Inoltrare richiesta di approvazione del progetto d’ambito, sottoscritto da tecnici abilitati iscritti al relativo albo professionale. Il progetto deve evidenziare: lo stato dell’area rilevato da foto aeree recenti o derivato da immagini da satellite; la situazione geologica e idrogeologica dei suoli interessati, anche mediante indagini geotecniche e geofisiche, per la determinazione delle sezioni litostratigrafiche e dei profili di sicurezza dei terreni durante e al termine della coltivazione; la consistenza del giacimento coltivabile; le fasi temporali, le modalità di coltivazione e di recupero; l’assetto finale dell’area di cava collegato alle aree limitrofe.Qualora il progetto presentato richieda modifiche, il termine può essere prorogato una sola volta.

I tempi

Approvazione progetto: 4 mesi dalla data di presentazione della richiesta di approvazione.
Approvazione progetto a seguito di modifiche: 2 mesi dalla data di presentazione delle modifiche.

I costi e i moduli di riferimento

Monitoraggio

01.01.2016 al 30.04.2016
n. procedimenti: 0
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: /

01.05.2016 al 31.08.2016
n. procedimenti: 0
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: /

01.09.2016 al 31.12.2016
n. procedimenti: 0
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: /

01.01.2017 al 31.12.2017
n. procedimenti: 0
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: /

01.01.2018 al 31.12.2018
n. procedimenti: 1
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 120 giorni

01.01.2019 al 30.06.2019
n. procedimenti: 0
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: /
tempo medio di erogazione del servizio: /

01.07.2019 al 31.12.2019
n. procedimenti: 0
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: /
tempo medio di erogazione del servizio: /

Archivio storico monitoraggio

Altre informazioni

Come previsto dalle disposizioni indicate dalla normativa sul procedimento amministrativo, Legge n.241/1990, art.5 ‘Responsabile del procedimento’, tutti i documenti amministrativi della Provincia di Lecco riportano l’indicazione del nominativo del responsabile del procedimento.

Per assicurare l’attuazione delle disposizioni di cui all’art. art.5 Legge n.241/1990, anche in funzione dell’art.35 c.1, lett.m), Decreto legislativo n.33/2013, per tutti i documenti amministrativi vengono applicate le seguenti indicazioni:
DETERMINAZIONI: nell’intestazione  sono indicati nome e cognome del responsabile del procedimento
DELIBERAZIONI: nel deliberato sono indicati nome e cognome del responsabile del procedimento
LIQUIDAZIONI: nella scheda di liquidazione sono indicati nome e cognome del responsabile del procedimento e nome e cognome del responsabile dell’istruttoria
LETTERE IN PARTENZA: sono indicati nome e cognome del responsabile del procedimento; viene inoltre indicato il recapito telefonico diretto, l’indirizzo di posta elettronica e di PEC



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.