Istruzione

  •  

MESTIERANDO

Il Progetto sperimentale LeccOrienta 2.1 “Mestierando” in collaborazione con l’Ente Capofila Istituto Comprensivo Statale “Marco D’Oggiono” scuola polo per l’orientamento, l’Ufficio Scolastico Territorale di Lecco, la Provincia di Lecco e il Comune di Lecco nasce in continuità con il Piano d’Azione Territoriale “LeccOrienta 2.0” in attuazione del “Sistema Regionale dell’orientamento permanente” ai sensi della DGR 2191/2014 “Interventi per la promozione dell’apprendimento lungo tutto l’arco della vita – approvazione del sistema regionale dell’orientamento permanente e successive Linee Guida n. 11338/2014 – Allegato A “Assunzione impegno di spesa a favore delle province lombarde e approvazione delle modalità operative” ed in stretta relazione con il progetto “Orientamento: una bussola per la vita” redatto dall’Istituto “M. d’Oggiono” di Oggiono.

Le attività che verranno proposte ai giovani studenti delle classi II e III delle scuole secondarie di I grado riguarderanno, sotto forma di sperimentazione, la conoscenza delle professioni e la riscoperta dei cosiddetti “mestieri” con l’intento orientativo di aumentare la loro consapevolezza nella scelta verso i percorsi secondari di II grado.

Le azioni previste dal Piano d’Azione Territoriale “LeccOrienta 2.0” – di seguito denominato LeccOrienta 2.0 – nel periodo 1 giugno 2015/30 novembre 2016 (con proroga richiesta al 31 dicembre 2016) – sono state realizzate nell’ambito del “Sistema Regionale dell’orientamento permanente” ai sensi della DGR 2191/2014 “Interventi per la promozione dell’apprendimento lungo tutto l’arco della vita – approvazione del sistema regionale dell’orientamento permanente” e successive Linee Guida n. 11338/2014 anche in continuità con l’Atto Negoziale tra Regione Lombardia e la Provincia di Lecco in attuazione dell’art. 6 c.2 LR 19/07, dell’articolo 4 c.1 LR 22/06e della DGR 1891 del 22.06.2011 – Codice Intervento 04 – Sviluppo Capitale Umano.

LeccOrienta 2.0 delle durata di 18 mesi ha riguardato le seguenti aree:
1. Analisi dei fabbisogni dei diversi ambiti del territorio provinciale, anche con riferimento al Piano di Zona;
2. Identificazione degli obiettivi, degli ambiti della popolazione target e dei cambiamenti auspicati dal Piano;
3. Identificazione delle azioni da utilizzare per il raggiungimento degli obiettivi, anche con riferimento a studi, modelli e buone prassi;
4. Identificazione delle competenze e delle nuove professionalità che garantiscono al Piano di essere implementato con successo;
5. Pianificazione delle attività, delle risorse, degli ambiti, degli attori coinvolti e delle scadenze temporali;
6. Identificazione delle modalità di monitoraggio e valutazione delle attività in itinere ed ex post;
7. Identificazione delle modalità di sostegno e di istituzionalizzazione del Piano in caso di successo.

La redazione e la realizzazione delle attività previste da “LeccOrienta 2.0” sono da considerarsi frutto di un percorso di confronto tra le organizzazioni territoriali già avviato con il progetto LeccOrienta per gli a.a.s.s. 2011/2014 e continuato in modo efficace e collaborativo fino alla conclusione delle azioni previste.

Tali azioni hanno riguardato l’ambito dell’orientamento lungo tutto l’arco della vita e sono state attivate in stretta collaborazione con gli attori interessati quali:
1. Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado
2. Centri di Formazione Professionale
3. Parti Sociali (Confartigianato, Confindustria, Camera di Commercio ecc.)
4. Associazione Network Occupazione Lecco
5. Ufficio Scolastico Territoriale di Lecco
6. Azienda Sanitaria Territoriale di Lecco
7. Sindacati
8. Uffici di Piano

La Rete interorganizzativa composta da una pluralità di attori locali tra loro coordinati hanno condiviso gli obiettivi progettuali e hanno messo in rete le loro risorse e competenze per dar vita ad una costellazione di snodi di offerta di orientamento.
La rilevazione dei bisogni nel territorio è stata anche condotta attraverso incontri con i diversi partners. Uno dei bisogni emergenti è un più aderente ed approfondito percorso di orientamento nel passaggio dal I al II grado di scolarità. Per questo il Piano ha interessato, in particolare, gli studenti degli Istituti di Istruzione Secondaria di I grado frequentanti le classi II e le classi III per un totale di studenti coinvolti pari a n. 4.483 dei 23 Istituti Comprensivi aderenti sui 28 presenti nel territorio provinciale.

Gli obiettivi individuati e raggiunti sono stati i seguenti:
1. Attivazione di punti polifunzionali di orientamento, sportelli territoriali di orientamento, posizionati in zone strategiche del territorio lecchese: Merate, Lecco, Colico con l’aggiunta di uno sportello dedicato agli studenti dell’Alta Valsassina presso l’ICS di Premana.
2. Organizzazione di colloqui individuali di orientamento dedicati agli studenti in “uscita” dalla scuola secondaria di I grado.
3. Organizzazione di serate a tema “I Giovedì dell’Orientamento” presso l’Auditorium della Camera di Commercio di Lecco.
4. Organizzazione della Settimana dell’Orientamento per l’incontro “peer to peer”.
5. Consolidamento della Rete collaborativa tra partner.
6. Rafforzamento del dialogo tra scuola e mondo del lavoro.

Il progetto è stato interamente finanziato da Regione Lombardia per un importo di euro 34.172,310.

LeccOrienta 2.0 non solo ha permesso una ricognizione puntuale delle attività e dei servizi orientativi presenti sul territorio ma ha creato nuove opportunità di collaborazione fra le Parti per la realizzazione di un Tavolo di Sviluppo Territoriale che supporti, coordini e valorizzi tutti gli interventi orientativi.

In questo senso la Provincia di Lecco nella sua qualità di ente istituzionale è da sempre luogo di confronto e di incontro sulle varie tematiche riguardanti l’istruzione, il lavoro, le tematiche legate
alle fragilità emergenti ma anche sulle tematiche di sviluppo delle eccellenze ed è il luogo privilegiato per gli incontri e i tavoli di lavoro, tenuto conto che nel settore sono presenti sia il servizio istruzione e formazione professionale che il servizio lavoro con il Centro per l’Impiego che consente un continuo monitoraggio sulle situazioni lavorative della cittadinanza.

Progetto Mestierando