Descrizione

Con l’entrata in vigore della legge regionale 27/2004 “Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell’economia forestale” è stata fortemente accresciuta l’importanza dei piani di indirizzo forestale quali strumenti di raccordo tra la pianificazione di settore e il più ampio contesto della pianificazione territoriale e urbanistica.

Questo nuovo scenario trova conferma nella successiva legge regionale 12/2005 “Legge per il governo del territorio”.

L’articolo 9 della legge regionale 27/04 prevede che i Pif devono essere redatti in coerenza con i contenuti dei piani territoriali di coordinamento provinciali, dei piani territoriali paesistici, dei piani di bacino e della pianificazione regionale delle aree protette.

Il piano di indirizzo forestale costituisce specifico piano di settore del piano territoriale di coordinamento della Provincia cui si riferisce.

La legge forestale regionale stabilisce inoltre che gli strumenti urbanistici comunali devono recepire i contenuti dei piani di indirizzo forestale e dei piani di assestamento forestale: la delimitazione delle superfici a bosco e le prescrizioni sulla trasformazione del bosco stabilite nei piani di indirizzo forestale sono immediatamente esecutive e costituiscono automaticamente variante agli strumenti urbanistici vigenti.

Documenti

Pif provinciale

Pif Comunità montana Lario orientale - Valle San Martino

Pif Parco regionale di Montevecchia e della Valle del Curone

Pif Parco Monte Barro

Pif Comunità montana Valsassina, Valvarrone, Val d'Esino e Riviera

Area di riferimento

Pianificazione territoriale

Coordina la pianificazione paesaggistica, territoriale e urbanistica, attivando anche le risorse necessarie alla promozione e allo sviluppo del territ…

Ultimo aggiornamento
02/02/2021, 15:14