Lecco, 27 gennaio 2016 – La Provincia di Lecco organizza con cadenza bisettimanale incontri specifici con tutti i Comuni, sede di raggruppamento Centro Operativo Misto (COM), per condividere le informazioni e aggiornare in merito alle modifiche più recenti introdotte nei Piani di emergenza comunali.

Durante gli incontri sarà possibile tracciare un bilancio delle attività di previsione e prevenzione poste in essere negli ultimi anni, nonché programmare attività di Protezione civile per il futuro.

Agli incontri sono invitati i Sindaci dei Comuni afferenti al COM, il Referente Operativo Comunale (ROC), il tecnico comunale e il comandante di Polizia Locale; possono presenziare anche Enti e Istituzioni di livello statale, quali Prefettura, Vigili del Fuoco e Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile attive nell’ambito territoriale provinciale.

Il primo incontro con i Comuni afferenti al COM 1 di Bellano si terrà mercoledì 3 febbraio alle ore 15.00 presso il Comune di Bellano; verrà presentata la situazione dell’ambito territoriale con riferimento al Piano di emergenza provinciale, con l’obiettivo di aggiornare in merito alla composizione dell’Unità di Crisi Locale (UCL) di competenza dei rispettivi Comuni, verrà condiviso un primo bilancio delle attività svolte e presentato un piano di quelle future.

Sarà inoltre evidenziato il ruolo dei Centri di coordinamento, attivabili nella fase di allerta e in quella di emergenza, in attuazione degli indirizzi operativi emanati in materia per la gestione delle attività connesse a fenomeni meteorologici, idrogeologici e idraulici che in particolare interessano il territorio.

All’incontro sarà presente anche Regione Lombardia con personale della Direzione Generale Sicurezza, Protezione Civile e Immigrazione. Vista l’importanza delle comunicazioni in emergenza, azione primaria che deve assolvere sempre un COM, è stata invitata anche l’Associazione Radioamatori Italiani (ARI).

Il Consigliere provinciale delegato alla Protezione Civile Sergio Brambilla evidenzia: “E’ importante un sistema di Protezione civile strutturato che dal livello comunale si sviluppa in accordo e sinergia con il livello provinciale di area vasta e con le Istituzioni di riferimento regionale e nazionale tramite la Prefettura, ponendosi al servizio dei cittadini. Le sfide che ci attendono sono impegnative, basti pensare ai cambiamenti climatici e ai fenomeni sempre più estremi che si verificano: in questo periodo di relativa calma occorre prepararsi e sviluppare nei cittadini una coscienza nuova e una maggiore responsabilità in termini di autoprotezione; nelle amministrazioni pubbliche occorre attivare sinergie per far fronte comune ed elevare la resilienza a questi eventi. Per fare questo la conoscenza, le esercitazioni e la pianificazione di emergenza sono elementi di primaria importanza: pertanto la Provincia si impegna in queste azioni al fianco dei Comuni”.

 

COMUNE CAPO COM

COMUNI APPARTENENTI

COM 1 Bellano Vendrogno, Perledo, Parlasco, Varenna, Esino Lario
COM 2 Bosisio Parini Suello, Cesana Brianza, Annone di Brianza, Rogeno, Molteno, Oggiono, Costa Masnaga, Garbagnate Monastero, Sirone, Ello, Dolzago, Colle Brianza, Castello di Brianza, Barzago, Bulciago, Cremella, Nibionno, Cassago Brianza
COM 3 Brivio Erve, Vercurago, Carenno, Calolziocorte, Olginate, Valgreghentino, Airuno, Monte Marenzo, Calco, Imbersago, Robbiate, Paderno d’Adda, Verderio, Torre de’ Busi
COM 4 Colico Dorio, Sueglio, Vestreno, Dervio
COM 5 Introbio Cortenova, Primaluna, Pasturo, Barzio, Moggio, Cremeno, Cassina Valsassina, Taceno
COM 6 Lecco Lierna, Oliveto Lario, Mandello del Lario, Abbadia Lariana, Ballabio, Morterone, Valmadrera, Malgrate, Civate, Galbiate, Garlate, Pescate
COM 7 Merate Santa Maria Hoè, Olgiate Molgora, Sirtori, Barzanò, Viganò, Monticello Brianza, Montevecchia, Missaglia, Cernusco Lombardone, Robbiate, Osnago, Lomagna, Casatenovo, Perego
COM 8 Premana Introzzo, Tremenico, Pagnona, Casargo, Margno, Crandola Valsassina


Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.