Come noto, il Presidente della Provincia di Lecco Daniele Nava ha invitato i Parlamentari del territorio lecchese (il Senatore Paolo Arrigoni, gli Onorevoli Michela Vittoria Brambilla, Gianmario Fragomeli, Veronica Tentori e Raffaello Vignali) a un incontro urgente in merito al problema dei tagli definiti dal Decreto Legge del 6 aprile scorso.

L’incontro si terrà venerdì 3 maggio alle ore 9.30 presso la Sala del Consiglio della Provincia.

A seguire, alle ore 10.15, è previsto un incontro con i giornalisti.

Come già anticipato nei giorni scorsi, l’iniziativa della Provincia di Lecco segue l’incontro dell’Unione delle Province Lombarde del 15 aprile a Milano alla presenza dell’Assessore Regionale Massimo Garavaglia e del Presidente dell’Unione delle Province Italiane Antonio Saitta; durante l’incontro è stato ribadito che, con i tagli previsti dal recente Decreto, le Province rischiano il dissesto economico, con la conseguente impossibilità di continuare a erogare servizi essenziali ai cittadini.

“L’emanazione del Decreto Legge del 6 aprile scorso da parte del Governo Monti, relativo allo sblocco dei pagamenti delle Pubbliche Amministrazioni – spiega il Presidente Navaprevede un taglio al bilancio della Provincia di Lecco di circa 911.000 Euro. Tale intervento si aggiunge alle pesanti restrizioni previste dal Patto di stabilità e dalla cosiddetta Spending Review, compromettendo irrimediabilmente l’erogazione dei servizi primari ai cittadini della provincia. L’incontro, alla presenza dei componenti della Giunta provinciale e dei Capigruppo consiliari, sarà l’occasione per un confronto schietto in previsione della conversione in Legge del Decreto; chiederemo infatti agli Onorevoli e ai Senatori del nostro territorio di intervenire in sede di dibattito parlamentare affinché sia modificato questo nuovo scellerato Decreto, dando così la possibilità alla nostra Provincia di erogare servizi di cui il territorio e i cittadini hanno assoluta necessità”.



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.