La Provincia di Lecco, nell’ambito delle attività del Sistema Turistico Lago di Como, prosegue le azioni di valorizzazione del cicloturismo del progetto Sport e Relax in bici, avviato nel 2009 con il programma di cooperazione transfrontaliera Italia – Svizzera 2007-2013, curato dalle Province di Lecco e di Como (ente capofila), in partnership con i Comuni di Cannobio (Verbania) e di Brissago (Svizzera).

Il progetto prevede la realizzazione, entro la fine del 2012, di importanti infrastrutture per la valorizzazione del cicloturismo nel territorio: per gli specialisti sono in allestimento salite con sistemi di rilevazione cronometrica; per le famiglie e gli amatori sono stati predisposti itinerari culturali e naturalistici più semplici da fruire in bici.

Per favorire la conoscenza del progetto e definire una serie di azioni a sostegno della parte promozionale, nel mese di aprile si terranno dei workshop rivolti agli operatori del settore e finalizzati a raccogliere proposte aziendali sul tema del cicloturismo. Sul territorio lecchese il primo appuntamento è fissato per lunedì 16 aprile a Villa Monastero di Varenna; il secondo martedì 17 aprile in Comunità Montana Valsassina a Barzio. Lo scopo è di assistere gli operatori coinvolti nella predisposizione di pacchetti turistici commercializzabili agli amanti della bicicletta.

Le proposte aziendali che verranno elaborate nel corso degli incontri con gli operatori dell’ospitalità saranno ampiamente pubblicizzate attraverso i canali web www.lakecomo.com e www.cicloviadeilaghi.it. Le informazioni sulle modalità di iscrizione ai workshop sono disponibili sul sito www.sistematuristico.it/stlc.

Il progetto di valorizzazione del cicloturismo del Lago di Como – afferma l’Assessore al Turismo Fabio Dadaticoncorre a incrementare le azioni legate alla mobilità dolce, con l’obiettivo di creare una gamma di proposte di vacanze tematiche, in alternativa a quelle più tradizionali e collaudate, per catturare un segmento di mercato in continua espansione. La formula del  pacchetto turistico come veicolo di promozione del territorio è un concetto più volte ribadito e incentivato dal mio assessorato per dotare il territorio di una maggiore capacità attrattiva dei servizi di accoglienza. Gli incontri rappresentano la naturale prosecuzione di quelli avviati nel 2011 con gli operatori del comparto per favorire la reciproca conoscenza e sinergia. L’auspicio è come sempre quello di poter contare sulla collaborazione degli operatori nell’interesse del comparto e del territorio”.