Per l’anno scolastico 2011-2012 la Provincia di Lecco ha deciso di finanziare con 18.000 euro due progetti di promozione della pratica sportiva rivolti agli studenti del territorio, proposti dal Ministero della Pubblica Istruzione – Ufficio Scolastico Provinciale Territoriale di Lecco.

Il progetto di rete Ambiente e Cultura Sportiva (finanziamento di 15.000 euro) è stato pensato per avvicinare i giovani alle attività sportive non facilmente accessibili a tutti e praticabili in ambienti diversi dalla palestra. Innumerevoli le proposte di attività legate al territorio (vela, canoa, canottaggio, arrampicata sportiva, avviamento alla subacquea, wind-surf, tennis, sci di fondo, sci-alpinismo, golf) o da svolgere in palestra (pattinaggio su ghiaccio, funky, step, yoga, pilates, ballo latino americano caraibico, scherma, difesa personale femminile, ginnastica acrobatica, tiro con l’arco, bowling).

I Giochi sportivi studenteschi (finanziamento di 3.000 euro) sono tesi ad avvicinare gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado, anche quelli che non mostrano particolari abilità motorie o sportive, alla pratica sportiva, e coinvolgerli in un’attività che possa trasmettere loro cultura e valori che non si basano solamente sull’agonismo e la competizione, ma danno importanza anche alla socializzazione e alla condivisione.

“La promozione dello sport nelle scuole – commenta l’Assessore allo Sport Antonio Rossi – è fondamentale per favorirne la funzione educativa e formativa e avvicinare i giovani alla pratica sportiva. Lo sport è uno strumento di crescita personale e un modo per sviluppare la cultura del rispetto dell’altro e delle regole, con particolare attenzione non solo ai risultati ottenuti ma anche agli aspetti di socializzazione e di spirito di gruppo. Le istituzioni hanno quindi il compito di seguire i giovani nella loro crescita personale offrendo loro gli stimoli e le opportunità perché questa avvenga nel modo migliore”.



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.