Martedì 7 settembre la Commissione di vigilanza del Ministero dell’Ambiente (COMVIRI) ha approvato il Piano d’Ambito della Provincia di Lecco adottato all’unanimità dall’Assemblea dei Sindaci lo scorso 22 giugno.

La prossima tappa sarà l’affidamento temporaneo per due anni alla società a capitale pubblico Idrolario srl del Servizio Idrico integrato, nell’Assemblea programmata permartedì 21 settembre.

La stessa Idrolario, con le opportune esternalizzazioni, sta concludendo la pianificazione per l’erogazione del servizio in tutti i 90 comuni con l’obiettivo di fornire un servizio di qualità senza disagi per gli utenti.

Soddisfazione del Presidente dell’ATO Daniele Nava e dell’Assessore all’Ambiente Carlo Signorelli che ieri, giovedì 9 settembre, hanno riunito il Comitato Ristretto composto dai rappresentanti dei Sindaci dei rispettivi ambiti territoriali (Brivio, Arrigoni, Robbiani, Colombo, Strina, Molteni, Canali, Bonacina) per valutare tutte le problematiche da affrontare prima di partire con il nuovo servizio idrico provinciale, tra cui le modulazioni tariffarie, i regolamenti per gli utenti, la carta dei servizi e i contratti con le società.

“Ci sono ancora alcuni problemi da risolvere, ma ho percepito nel Comitato ristretto la ferma volontà di tutti i Sindaci far partire al più presto il Servizio unico provinciale” afferma il Presidente Nava.

“Stiamo preparando una lista di adempimenti e un cronoprogramma – chiarisce l’Assessore Signorelli – tra cui un’importante campagna di stampa per informare gli utenti e riunioni con gli amministratori locali; nell’Assemblea ATO del 21 settembre valuteremo collegialmente se ci sono tutte le condizioni per partire con il Servizio già dal prossimo 1 ottobre. Un ringraziamento e un apprezzamento a tutti coloro che da alcuni mesi stanno lavorando con grande impegno e senso di responsabilità per far partire il nuovo servizio e quindi tutti gli investimenti nel settore idrico paralizzati da troppo tempo”.

Lecco, 10 Settembre 2010



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.