Caccia e Pesca

  •  

Caccia

La conservazione e la gestione della fauna omeoterma, cioè di mammiferi ed uccelli, è uno dei compiti assegnati alla Provincia dalla legislazione regionale. Fino ad un recente passato tale funzione era intesa quasi eslusivamente come controllo dell’attività venatoria; negli ultimi due decenni i principi conservazionistici sanciti dalla normativa di settore, impostati anche su rigorosi criteri scientifici, hanno indotto un approccio alla materia consono al mantenimento di uno status delle popolazioni selvatiche più adeguato alle esigenze di conservazione della biodiversità sia a livello locale che internazionale. Ciò è realizzato dall’Assessorato all’Ambiente della Provincia di Lecco attraverso interventi a largo spettro.  La Provincia, infatti, oltre a regolamentare il prelievo venatorio e le attività ad esso direttamento connesse, nel rispetto delle forme e dei tempi di caccia previsti dalla normativa regionale e nazionale, promuove, al fine della ricostruzione di una consistenza faunistica ottimale, i monitoraggi delle popolazioni animali, gli interventi per il miglioramento degli habitat nonchè i piani di immissione e di reintroduzioni e di controllo numerico di particolari specie faunistiche. Per la realizzazione delle attività di gestione e conservazione della fauna la Provincia si avvale del proprio Servizio Faunistico, della collaborazione del Corpo di Polizia Provinciale, compreso il nucleo di Guardie Volontarie, e della collaborazione dei Comitati di Gestione degli Ambiti Territoriali (ATC) e dei Comprensori Alpini (CAC) di Caccia coordinati dalla Provincia stessa , nonchè di alcune Associazioni culturali locali.

Fra le molte attività svolte sal Servizio Faunistico Provinciale vi sono, in particolare, gli interventi di gestione e salvaguardia del patrimonio faunistico come censimenti, redazione piani di abbattimento e di controllo numerico, la refusione dei danni provocati dalla fauna, il controllo delle attività dei Comitati di Gestione degli ATC e dei CAC, i quali sono soggetti carattere privatistico a cui la legislazione regionale assegna come compito principale l’organizzazione dell’attività venatoria; più in generale il Servizio Faunistico dà attuazione al Piano Faunistico Venatorio Provinciale, in breve PFVP, e al Piano di Miglioramento Ambientale previsti agli art.li 14 e 15  della l.r. 26/1993. Il Piano è redatto previa Valutazione Ambientale Strategica, in breve VAS, in base ai contenuti della Direttiva Europea 2001/42/CE; tale procedimento consiste in un processo continuo volto a orientare il percorso di redazione del PFVP così che il Piano stesso risulti sostenibile e integrato rispetto l’assetto ambientale, sociale ed economico del territorio provinciale.

Stagione venatoria 2015 e 2016      Calendario Venatorio 2015 – 16



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.