Lecco, 23 novembre 2017 – In merito agli articoli apparsi sugli organi di stampa, con le dichiarazioni dei Consiglieri provinciali Stefano Simonetti, Claudia Ferrario, Elena Zambetti, Mattia Micheli, Antonio Pasquini e Alfredo Casaletto e del segretario provinciale della Lega Nord Flavio Nogara relative all’eliminazione del passaggio a livello di Bellano, il Presidente della Provincia di Lecco Flavio Polano e il Consigliere provinciale Mauro Galbusera intendono precisare quanto segue:

“L’eliminazione del passaggio a livello di Bellano rientra da tempo tra le priorità della Provincia di Lecco ed è necessaria per risolvere i problemi viabilistici e di sicurezza in quella particolare zona dove confluiscono la SP 62, la SP 72 e la SS 36.

Contrariamente a quanto sostenuto dai citati esponenti politici sugli organi di stampa, la Provincia di Lecco ha già predisposto diverse soluzioni progettuali, che sono state illustrate ad Anas nel mese di aprile e al Comune di Bellano subito dopo l’estate.

Inoltre abbiamo avuto alcune interlocuzioni con il Sottosegretario di Regione Lombardia Daniele Nava, che sta seguendo da vicino questa vicenda.

Infine siamo a conoscenza di un ordine del giorno presentato dal Consigliere regionale Antonello Formenti che ha chiesto a Regione Lombardia di destinare delle risorse per quest’opera, ma al momento non sappiamo l’esito di questo ordine del giorno.

Anas e Regione Lombardia hanno poi deciso, legittimamente, di allocare le risorse su un’altra opera, il completamento dello svincolo di Piona a Colico. Ciò nonostante la Provincia di Lecco, ritenendo assolutamente indispensabile e prioritario l’intervento sul passaggio a livello di Bellano, in tal senso continuerà a lavorare, insieme agli altri esponenti politici e istituzionali interessati dalla vicenda, per la realizzazione di quest’opera e la risoluzione di questo problema, a beneficio di tutto il territorio”.



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.