Una giornata di passione per gli automobilisti che oggi si sono spostati lungo la Riviera Orientale del Lario tra Lecco e Colico, in seguito alla chiusura della SS 36 nel tratto tra Bellano e Colico. Il traffico particolarmente intenso già dalla prima mattina, visto il periodo estivo e la bella giornata, con spostamenti verso le località del lago e della montagna, è stato infatti dirottato per necessità sulla vecchia provinciale a lago SP 72.

Pur nelle difficoltà oggettive connesse all’evento e all’infrastruttura stradale esistente – infatti da tre corsie per senso di marcia in genere disponibili (due della SS 36 – in condizioni ordinarie – e una della SP 72) si è passati di colpo a una sola corsia per senso di marcia (lungo la SP 72) con una riduzione teorica del 66% della capacità di transito – le Forze dell’Ordine e le organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile con il coordinamento operativo della Polizia Stradale oltre che della Prefettura e della Provincia di Lecco, hanno attuato tutto quanto possibile per contenere i disagi agli utenti della strada.

Infatti, mentre il personale ANAS risultava impegnato a ripristinare la viabilità lungo la SS 36, è scattato il Piano di Gestione della Viabilità in caso di emergenza lungo la sponda Orientale del Lario.

Al riguardo l’Assessore alla Protezione Civile, Trasporti e Mobilità, Franco De Poi sottolinea: “Il Piano è stato testato e verificato  di recente e, proprio in occasione dei lavori condotti da ANAS lungo la Galleria Monte Piazzo, ho fortemente voluto la messa in esercizio, in particolari situazioni, anche dell’immissione a Piona di Colico, con direzione Sondrio, per alleggerire il carico viabilistico all’interno del comune di Colico. Questa richiesta ha consentito oggi di contenere, per quanto possibile, ulteriori disagi legati all’attraversamento del centro di Colico. Quanto ora sperimentato sul campo sarà sicuramente un’importate risorsa in caso di futuri, speriamo lontani, eventi di crisi della mobilità dell’area del Lario Orientale” 

L’Assessore alla Viabilità e Lavori pubblici Stefano Simonetti dichiara: “Avevo chiesto a più riprese ad ANAS e alla Prefettura di Lecco di posticipare i lavori legati alla Galleria Monte Piazzo al mese di settembre ma queste richieste purtroppo sono rimaste inascoltate: la situazione che oggi si è verificata è stata disastrosa per la viabilità provinciale. Chiedo sin da ora un incontro ad ANAS con tutte le parti istituzionali coinvolte, augurando che ANAS e Prefettura facciano un seria riflessione su quanto accaduto, per porre in atto tutte quelle cautele per evitare il riverificarsi di un tale ingorgo paralizzante. Rinnovo la massima collaborazione del Settore Viabilità ma chiedo più impegno da parte di ANAS con l’impiego di maggiori uomini e mezzi, affinché tali circostanze siano evitate in futuro oppure risolte con maggiore tempestività. Da ultimo in questi giorni si parla molto di accorpare le Province ma su questo tema auspico che il legislatore faccia una seria analisi sulle funzioni di altre Istituzioni, che non sono state oggi all’altezza della grave situazione”.

 

 



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.