Carta dei Servizi
  •  

STRUTTURE RICETTIVE – ANAGRAFICA E PREZZI

A chi rivolgersi

Direzione Organizzativa II – Organizzazione e Risorse Umane
Servizio Turismo
Laura Maglia
Tel. 0341 295 516
Fax 0341 295 333
e-mail laura.maglia@provincia.lecco.it
operatori.turismo@provincia.lecco.it

Orari: lun-mer dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 17.30; mar-gio-ven dalle 9 alle 14

Normativa di riferimento

L.R. 27/15;
D.Lgs 79/11 ‘Codice della normativa statale in tema di ordinamento e mercato del turismo’;
D.M. 16 Ottobre 1991.

Di cosa si tratta

Descrizione del procedimento
ANAGRAFICA

Il Servizio Turismo della Provincia di Lecco, su delega regionale, cura l’anagrafica delle strutture ricettive prendendo in carico le pratiche di avvio, variazione e cessazione delle attività trasmesse dagli uffici Suap dei Comuni in provincia di Lecco. Le strutture ricettive vengono quindi inserite sul portale regionale Turismo 5 ai sensi della rilevazione ISTAT “Capacità degli esercizi ricettivi”

PREZZI

I titolari delle strutture ricettive alberghiere e non alberghiere, attraverso Turismo 5, comunicano al Servizio Turismo le attrezzature, i servizi in esse presenti e le tariffe praticate nell’esercizio: a seguito di validazione degli stessi da parte degli uffici provinciali e regionali, viene generata su Turismo 5 e resa disponibile la tabella prezzi che tutte le strutture devono stampare ed esporre obbligatoriamente ai sensi di legge.

A chi interessa

Strutture ricettive alberghiere e non alberghiere.

Cosa bisogna fare

Gli operatori provvedono alla comunicazione annuale obbligatoria, entro il 1° ottobre, riferita ai prezzi da praticare a partire dal 1° gennaio dell’anno successivo.

Dal 2018 le strutture utilizzano direttamente l’applicativo regionale Turismo 5 inserendo o variando i prezzi nell’apposita scheda anagrafica; il Servizio Turismo della Provincia provvede a verifica, aggiornamento e validazione dei dati comunicati, consentendo all’operatore turistico la stampa della propria tabella prezzi, che va obbligatoriamente esposta nella struttura in modo ben visibile nella zona di ricevimento e resa disponibile sia ai clienti, sia per eventuali controlli.

Per gli esercizi di nuova apertura, in base al DM 16 Ottobre 1991 art. 4, la dichiarazione deve essere effettuata entro trenta giorni dalla data di apertura: per la prima comunicazione prezzi le strutture possono inviare una mail all’indirizzo operatori.turismo@provincia.lecco.it. Successivamente le strutture potranno inserire i prezzi direttamente nella propria scheda anagrafica su Turismo 5e stampare la relativa tabella da esporre.

Le strutture che intendono variare i prezzi con decorrenza 1° giugno comunicano, entro il 1° marzo dello stesso anno, sempre utilizzando Turismo 5, i nuovi prezzi applicati (in caso di mancata comunicazione si ritengono confermati i prezzi della precedente).

Chiunque contravviene alla pubblicità dei prezzi incorre nella sanzione amministrativa da 2.000 a 5.000 Euro ai sensi dell’articolo 38, comma 4 della L.R. 27/15 (Vigilanza e sanzioni di competenza delle province e della Città metropolitana di Milano).

I tempi

Rilascio documentazione da parte del Servizio Turismo relativa alle tariffe comunicate entro il 1° ottobre di ogni anno e valevoli per l’intero anno successivo: entro il 1° gennaio di ogni anno.
In caso di variazione suppletiva del 1° marzo: entro il 30 maggio.

Monitoraggio

Monitoraggio dei procedimenti
dal 01.01.2014 al 30.04.2014
n. procedimenti: 5
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 0

dal 01.05.2014 al 31.08.2014
n. procedimenti: 7
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 2 giorni

dal 01.09.2014 al 31.12.2014
n. procedimenti: 6
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 3 giorni

dal 01.01.2015 al 30.04.2015
n. procedimenti: 6
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 3 giorni

dal 01.05.2015 al 31.12.2015
n. procedimenti: 12
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 3 giorni

dal 17.10.2015: procedimento modificato con Legge Regione Lombardia n. 27/2015 – in attesa di regolamento attuativo

dal 1.05.2016 al 31.08.2016
n. procedimenti: 10
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 0

dal 1.09.2016 al 31.12.2016
n. procedimenti: 400
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 0

dal 1.01.2017 al 31.12.2017
n. procedimenti: 600
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: /

dal 1.01.2018 al 31.12.2018
n. procedimenti: 1.220
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 0

dal 1.01.2019  al 30.06.2019
n. procedimenti: 460 (dati nuove strutture/inserimenti/variazioni facoltative prezzi)
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 0

dal 1.07.2019 al 31.12.2019
n. procedimenti: 1.738 (dati nuove strutture/inserimenti/variazioni facoltative prezzi)
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 0

Altre informazioni

Come previsto dalle disposizioni indicate dalla normativa sul procedimento amministrativo, Legge n.241/1990, art.5 ‘Responsabile del procedimento’, tutti i documenti amministrativi della Provincia di Lecco riportano l’indicazione del nominativo del responsabile del procedimento.

Per assicurare l’attuazione delle disposizioni di cui all’art. art.5 Legge n.241/1990, anche in funzione dell�art.35 c.1, lett.m), Decreto legislativo n.33/2013, per tutti i documenti amministrativi vengono applicate le seguenti indicazioni:
DETERMINAZIONI: nell’intestazione e nel determinato sono indicati nome e cognome del responsabile del procedimento
DELIBERAZIONI: nel deliberato sono indicati nome e cognome del responsabile del procedimento
LIQUIDAZIONI: nella scheda di liquidazione sono indicati nome e cognome del responsabile del procedimento e nome e cognome del responsabile dell’istruttoria
LETTERE IN PARTENZA: sono indicati nome e cognome del responsabile del procedimento; viene inoltre indicato il recapito telefonico diretto, l’indirizzo di posta elettronica e di PEC