Bilancio di fine mandato

  •  

Ambiente – Osservatorio rifiuti

In Lombardia l’attività di raccolta ed elaborazione dei dati relativi ai rifiuti urbani ha una tradizione consolidata. La legge regionale 26 del 12 dicembre 2003 ha riconfermato in capo alle Province “il rilevamento statistico dei dati inerenti la produzione e la gestione dei rifiuti urbani nonché il monitoraggio della percentuale delle frazioni merceologiche avviate a recupero”, competenza in precedenza attribuita dalla legge regionale 21/1993.

Per lo svolgimento di queste funzioni, presso le Province sono stati a suo tempo costituiti gli Osservatori Provinciali Rifiuti. In ottemperanza alla legge regionale e alle indicazioni successivamente formalizzate, i Comuni e gli impianti di gestione rifiuti comunicano annualmente i dati relativi ai rifiuti prodotti e trattati.

Nel corso degli anni il sistema di raccolta dei dati è stato perfezionato: da ormai diciotto anni le informazioni vengono raccolte, archiviate ed elaborate utilizzando un applicativo su tecnologia web, implementato dall’Osservatorio Regionale sui Rifiuti dell’ARPA Lombardia e dal 2004 condiviso anche da altre Regioni, denominato O.R.SO. (Osservatorio Rifiuti SOvraregionale). L’applicativo internet è strutturato in modo da consentirne l’utilizzo a Comuni, osservatori provinciali e Osservatorio regionale sui rifiuti, ciascuno secondo le proprie competenze e necessità. La procedura, che si avvale di una serie di maschere preimpostate, garantisce già in fase di compilazione un elevato grado di omogeneità e affidabilità dei dati, consentendo di eliminare tutte le incongruenze tipiche delle raccolte dati tradizionali. Gli osservatori provinciali hanno poi la possibilità di intervenire direttamente sui dati per effettuare le operazioni di bonifica e validazione, mentre l’Osservatorio regionale effettua le verifiche finali ed elabora i dati a livello regionale. Da maggio 2016 è operativa la nuova versione dell’applicativo ORSO (ORSO3.0), attualmente utilizzata in ben quattordici regioni.

Grazie a O.R.SO. è possibile disporre di un’unica banca dati molto articolata: per i Comuni l’applicativo fornisce informazioni relative alla produzione dei rifiuti urbani e alle raccolte differenziate, alle modalità di gestione e all’organizzazione dei servizi di raccolta nonché ai costi del ciclo dei rifiuti urbani; per gli impianti di trattamento l’applicativo fornisce informazioni circa i rifiuti ritirati e prodotti, le operazioni di trattamento, il recupero di materia e di energia.

I dati raccolti tramite l’applicativo O.R.SO. consentono di effettuare una valutazione del sistema di produzione e gestione dei rifiuti in ambito provinciale, verificando lo stato di attuazione della pianificazione regionale rispetto agli indicatori scelti per il monitoraggio. I dati raccolti rappresentano, inoltre, un utile strumento per le amministrazioni comunali che possono valutare l’efficacia delle proprie strategie anche alla luce dei risultati raggiunti in comuni con caratteristiche e popolazione simili.

Tra gli indicatori comunemente utilizzati per valutare i risultati conseguiti nella gestione dei rifiuti urbani si citano i seguenti: la produzione pro-capite dei rifiuti urbani, la raccolta differenziata, il recupero di materia e il recupero di energia.

Di seguito si riportano i valori assunti da tali indicatori nel periodo 2014 – 2017.

Indicatore 2014 2015 2016 2017
Produzione pro-capite di rifiuti urbani (kg/ab.*anno) 454,5 445,9 459,3 469,6
Raccolta differenziata (%) 60,8 61,9 61,6 70,3
Recupero di materia (%) 58,3 60,3 59,8 59,3
Recupero di energia (%) 31,4 31,2 30,8 30,9

Per una corretta lettura dei dati sopra riportati, si evidenzia che il DM 26 maggio 2016, recepito in Lombardia con la dgr 6511 del 21 aprile 2017, ha introdotto una nuova modalità di calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani al fine di uniformare, sull’intero territorio nazionale, il metodo di calcolo della stessa. Di conseguenza, il valore assunto da questo indicatore per l’anno 2017 non risulta confrontabile con la serie storia precedente, atteso che ai fini del calcolo vengono ora computate delle frazioni che, in base alle indicazioni regionali previgenti, non erano considerate.

I dati più significativi relativi alla produzione e alla gestione dei rifiuti urbani in provincia di Lecco vengono annualmente presentati ai Comuni nel corso di una conferenza stampa e, in seguito, resi disponibili sul sito internet della Provincia di Lecco, nelle pagine del Settore ambiente, alla sezione Rifiuti urbani e osservatorio.

Le elaborazioni dei dati 2017 sono in corso di completamento e saranno disponibili dalla fine di ottobre.

Oltre agli indicatori prestazionali, i dati raccolti tramite l’applicativo O.R.SO., integrati con i dati delle dichiarazione ambientali (MUD) compilate dagli impianti, consentono di ricostruire lo schema generale della gestione dei flussi di rifiuti urbani nel territorio provinciale.

Gli impianti di gestione dei rifiuti che effettuano operazioni di recupero e/o smaltimento possono operare in procedura ordinaria ed essere autorizzati dalla Provincia ai sensi del Decreto legislativo 152/2006, oppure optare per le procedure semplificate qualora vengano rispettate le condizioni stabilite dal Decreto ministeriale 5 febbraio 1998 e procedere con una specifica comunicazione di inizio attività o autorizzazione unica ambientale (AUA). Gli impianti di gestione rifiuti che svolgono le attività di cui al punto 5 dell’Allegato VIII alla parte seconda del Decreto legislativo 152/2006 sono poi soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA).

Di seguito si riporta il numero di provvedimenti rilasciati dalla Provincia di Lecco a nuovi impianti di gestione rifiuti o modifiche a impianti esistenti ripartiti per regime abilitativo/autorizzatorio nel periodo 2014 – 2018 (i dati relativi all’anno in corso sono aggiornati al 30 settembre).

Titolo abilitativo Provvedimenti
2014 2015 2016 2017 2018
Autorizzazione ex articolo 208 Decreto legislativo 152/2006 19 11 10 12 11
Comunicazione ex articolo 216 Decreto legislativo 152/2006 / AUA ex Decreto Presidente Repubblica 59/2013 7 6 15 9 7
AIA ex articolo 29-quater Decreto legislativo 152/2006 2 3 10 13 7


Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.