Istruzione

  •  

Orientamento e Dispersione Scolastica

Quadro normativo

Il Servizio Istruzione e Formazione Professionale svolge attività di orientamento sia per gli studenti delle classi 3° medie che per il post-diploma rivolte agli adolescenti delle classi VI e V degli Istituti Superiori di Secondo Grado della provincia di Lecco;

Le attività di orientamento sono previste dal D. Lgs. n.112 del 31.3.1998 che al comma 2) dispone che le province esercitino iniziative relative a:

  • b) Intereventi integrati di orientamento scolastico e professionale
  • f) Interventi integrati di prevenzione della dispersione scolastica e di educazione alla salute.

La L.R. 28 settembre 2006, n. 22 all’art. 4 attribuisce alle Province specifiche competenze in merito alla programmazione e realizzazione, nei rispettivi ambiti territoriali, degli interventi per le politiche integrate di formazione e lavoro.

Il Protocollo d’intesa tra l’Unione delle province d’Italia e l’Associazione nazionale dei dirigenti e delle alte professionalità della scuola stipulato in data 25.06.2003, che prevede all’art. 2 , l’intervento sul territorio delle Province in materia di “orientamento all’istruzione, alla formazione e all’inserimento del lavoro”.

Orientamento

Le Linee Guida nazionali per l’orientamento permanente  emanate dal MIUR (Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca) definiscono l’orientamento non solo come strumento per gestire la transizione tra scuola, formazione e lavoro, ma assume un valore permanente nella vita di ogni persona, garantendone lo sviluppo e il sostegno nei processi di scelta e di decisione con l’obiettivo di promuovere l’occupazione attiva, la crescita economica e l’inclusione sociale.

Si parla quindi di orientamento lungo tutto il corso della vita  come diritto permanente di ogni persona, che si esercita in forme e modalità diverse e specifiche a seconda dei bisogni, dei contesti e delle situazioni.

In tale prospettiva, il decreto-legge 12 settembre 2013, n.104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n.128, gli articoli 8 e 8 bis, prevede il rafforzamento delle attività di orientamento nelle scuole secondarie di primo grado e secondo grado per sostenere gli studenti nell’elaborazione di progetti formativi e/o professionali adeguati alle proprie capacità e aspettative, anche attraverso collegamenti stabili con istituzioni locali, associazioni imprenditoriali, Camere di Commercio, Agenzie per il lavoro.

Dispersione Scolastica

Con l’espressione “abbandono scolastico” s’intende la definitiva uscita di uno studente da un determinato iter formativo; la “dispersione scolastica”, invece si riferisce a quell’insieme di processi che, determinando rallentamenti, ritardi o altre interruzioni più o meno prolungate di un iter scolastico, possono portare all’abbandono.

L’abbandono scolastico rappresenta un fattore che concorre a determinare l’esclusione sociale, in quanto  coloro che abbandonano prematuramente  la scuola rischiano maggiormente la disoccupazione; la conseguenza è un aumento di costi socioeconomici tanto a livello individuale, tanto a livello collettivo.

La dispersione è un fenomeno complesso; le cause possono essere tanto interne, al soggetto, quanto esterne, pertanto riconducibile all’ambiente sociale: culturale, familiare o economico. Alcune delle cause  possono identificarsi con: contesto socio culturale della famiglia, l’attività pedagogica degli insegnanti, disadattamento personale.

Dove e Quando

Sede: Lecco- C.so Matteotti n. 3 (3° piano)

Orari:

Lunedì e Mercoledì dalle ore 9 alle 13 e dalle 14 alle ore 17.30

Martedì, Giovedì e Venerdì dalle ore 9 alle ore 13

Informazioni – Segreteria Servizio Istruzione e Formazione Professionale

Telefono: 0341 295 464

Email: mariateresa.montanelli@provincia.lecco.it



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.