Carta dei Servizi
  •  

CONTROLLO IMPIANTI DI SMALTIMENTO E RECUPERO RIFIUTI

A chi rivolgersi

Direzione Organizzativa IV – Viabilità e Infrastrutture
Servizio Ambiente
Ufficio Rifiuti Urbani – Responsabile del procedimento Francesco Tagliaferri
Sara Berizzi
Alessia Vitali
0341 295246-271
0341 295333
sara.berizzi@provincia.lecco.it
alessia.vitali@provincia.lecco.it

Orari: lun-mer: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 17.30; mar-gio-ven dalle 9 alle 14

Normativa di riferimento

D. Lgs. n.152/06.

Di cosa si tratta

Descrizione del procedimento
La Provincia, nell’ambito della gestione dei rifiuti, si occupa del controllo e della verifica degli interventi di bonifica e loro monitoraggio, dello smaltimento dei rifiuti a livello provinciale, del controllo periodico su tutte le attività di gestione dei rifiuti, compreso l’accertamento delle violazioni delle disposizioni di cui alla parte IV del d.lgs. n.152/06. In particolare la Provincia sottopone ad adeguati controlli periodici gli stabilimenti e le imprese che smaltiscono o recuperano rifiuti.

A chi interessa

Soggetti titolari/gestori degli impianti di smaltimento e recupero rifiuti.

Cosa bisogna fare

Gli addetti al controllo effettuano dei sopralluoghi presso gli impianti finalizzati ad accertare l’osservanza delle disposizioni di Legge, delle normative tecniche, delle prescrizioni contenute nei provvedimenti di autorizzazione nonchè degli adempimenti amministrativi. Al sopralluogo fa seguito la redazione del verbale e, se ne ricorre il caso, l’irrogazione di sanzioni amministrative, la predisposizione di atti di diffida e la segnalazione di notizie di reato alla Procura. I soggetti interessati sono tenuti a fornire la propria collaborazione agli addetti al controllo, mettendo a disposizione il personale, le attrezzature, la documentazione e fornendo le informazioni richieste.I soggetti interessati sono inoltre tenuti ad adempiere alle indicazioni e/o prescrizioni impartite dalla Provincia in seguito ai controlli effettuati.

I tempi

Il controllo ha frequenza annuale, entro il 31 dicembre di ogni anno In caso di segnalazione: 30 gg dalla data della segnalazione.

I costi e i moduli di riferimento

_

Monitoraggio

01.01.2016 al 30.04.2016
n. procedimenti: 1
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 30 giorni

01.05.2016 al 31.08.2016
n. procedimenti: 1
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 5 giorni

01.09.2016 al 31.12.2016
n. procedimenti: 4
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 28 giorni

01.01.2017 al 31.12.2017
n. procedimenti: 4
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 17 giorni

01.01.2018 al 31.12.2018
n. procedimenti: 6
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 3
tempo medio di erogazione del servizio: 42 giorni

01.01.2019 al 30.06.2019
n. procedimenti: 0
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: /
tempo medio di erogazione del servizio: /

01.07.2019 al 31.12.2019
n. procedimenti: 3
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 1
tempo medio di erogazione del servizio: 32 giorni

Archivio storico monitoraggio

Altre informazioni

Come previsto dalle disposizioni indicate dalla normativa sul procedimento amministrativo, Legge n.241/1990, art.5 ‘Responsabile del procedimento’, tutti i documenti amministrativi della Provincia di Lecco riportano l’indicazione del nominativo del responsabile del procedimento.

Per assicurare l’attuazione delle disposizioni di cui all’art. art.5 Legge n.241/1990, anche in funzione dell’art.35 c.1, lett.m), Decreto legislativo n.33/2013, per tutti i documenti amministrativi vengono applicate le seguenti indicazioni:
DETERMINAZIONI: nell’intestazione sono indicati nome e cognome del responsabile del procedimento
DELIBERAZIONI: nel deliberato sono indicati nome e cognome del responsabile del procedimento
LIQUIDAZIONI: nella scheda di liquidazione sono indicati nome e cognome del responsabile del procedimento e nome e cognome del responsabile dell’istruttoria
LETTERE IN PARTENZA: sono indicati nome e cognome del responsabile del procedimento; viene inoltre indicato il recapito telefonico diretto, l’indirizzo di posta elettronica e di PEC



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.