Aggiornamento ore 14.50 (venerdì 30 giugno)

La strada regionale 639 è stata riaperta al traffico.

L’attività di monitoraggio proseguirà anche nei prossimi giorni.


Aggiornamento ore 13.00 (venerdì 30 giugno)

Si comunica che la strada regionale 639 verrà riaperta al traffico alle ore 15.00: Ordinanza.

Si ringraziano il Comune di Vercurago e il Comune di Lecco, direttamente interessati, per la preziosa collaborazione nella gestione dell’emergenza.


Aggiornamento ore 11.00 (venerdì 30 giugno)

Ordinanza per la chiusura al transito tra Lecco e Vercurago della strada regionale 639 dalle ore 5.48 di giovedì 29 giugno sino a successiva revoca.


Aggiornamento ore 8.30 (venerdì 30 giugno)

Sono riprese questa mattina le operazioni di verifica e disgaggio della parete rocciosa da parte dei tecnici.


Aggiornamento ore 16.00 (giovedì 29 giugno)

Le operazioni di verifica e di disgaggio della parete rocciosa da parte dei tecnici sono state interrotte causa il forte temporale che si è abbattuto sulla zona. Pertanto oggi la strada regionale 639 rimarrà chiusa.

Domani mattina, tempo permettendo, riprenderanno le operazioni di messa in sicurezza della parete rocciosa.

La Polizia locale di Lecco è impegnata nei presidi lungo le principali arterie della città. La centrale operativa del Comune di Lecco è in funzione per segnalazioni fino alle ore 24.00. Si consiglia di utilizzare la direttrice Lecco-Pescate-Garlate-Olginate in entrambe le direzioni da e per Lecco e se possibile di evitare di mettersi alla guida nelle ore di punta. Inoltre è raccomandabile utilizzare i mezzi pubblici per i propri spostamenti anche nella giornata di domani.


Aggiornamento ore 13.00 (giovedì 29 giugno)

Continuano le operazioni di verifica e di disgaggio della parete rocciosa da parte dei tecnici, che stanno lavorando a pieno ritmo per mettere in sicurezza la parete e consentire quanto prima la riapertura della strada sottostante.


Aggiornamento ore 11.15 (giovedì 29 giugno)

Concluse le prime attività di rimozione del materiale pericolante presente in parete. Sono in corso ulteriori verifiche da parte dei tecnici sul fronte circostante alla zona di crollo.


Aggiornamento ore 9.45 (giovedì 29 giugno)

Si precisa che la frana non proviene dal cantiere della nuova Lecco-Bergamo: i sassi si sono staccati dalla parete rocciosa 400 metri più in alto rispetto all’area dei lavori.

Sul posto i Vigili del Fuoco in parete per valutare entità e tipo di distaccamento; presenti anche tecnici di Comune di Lecco e Provincia di Lecco e la Polizia locale di Lecco.

Per far defluire meglio il traffico in direzione Lecco, provenendo da Pescate, la Polizia Stradale ha predisposto un’unica corsia sulla rampa di accesso del terzo Ponte (Ponte Manzoni).

La situazione resta comunque critica nei principali comuni dell’hinterland. Si consiglia di non dirigersi verso Vercurago e Calolziocorte lungo la Lecco-Bergamo, ma di utilizzare l’asse viario Olginate-Garlate-Pescate da e per Lecco e di utilizzare i mezzi pubblici.


Aggiornamento ore 9.00 (giovedì 29 giugno)

A seguito della caduta di alcuni massi dalla parete rocciosa sovrastante da questa mattina è chiusa temporaneamente la strada regionale 639 di collegamento Lecco-Bergamo nel tratto tra la rotatoria in località Chiuso di Lecco e l’intersezione tra via Roma e via IV Novembre a Vercurago (all’altezza del semaforo).

Sono in corso le verifiche da parte dei tecnici.