Lecco, 10 settembre 2014 – La Giunta Provinciale ha approvato il protocollo d’intesa con la Fondazione Pietro Carsana per l’inserimento lavorativo dei giovani inoccupati e/o disoccupati.

Provincia di Lecco e Fondazione Carsana già dal 2010 collaborano nell’ambito del progetto Imparare a lavorare, con lo scopo di introdurre i giovani nel mondo del lavoro e realizzare tirocini. Attraverso i tirocini i giovani possono acquisire un ruolo professionale sotto la guida e la responsabilità dell’azienda e avere maggiori opportunità di inserimento lavorativo. Il progetto nasce dall’esigenza di sperimentare nuove modalità per agevolare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro rispettosa degli interessi dei giovani e di quelli delle imprese.

Il progetto Imparare a lavorare è rivolto ai giovani e realizzato con la collaborazione attiva del mondo delle imprese che hanno accettato di mettere a disposizione la propria esperienza e il proprio know-how.

La Provincia, che svolge la funzione di ente promotore del tirocinio per tutti gli aspetti amministrativi, assegnerà inoltre un bonus assunzionale del valore di 1.000 euro alle imprese che, al termine del tirocinio, instaureranno con i tirocinanti un rapporto di lavoro tramite contratto di apprendistato o contratto a tempo determinato per almeno 6 mesi, fino a un importo massimo di 20.000 euro.

Dal 2010 al 2014 il progetto ha coinvolto:

  • 1634 giovani disponibili ai tirocini, dei quali 954 femmine e 680 maschi
  • 246 giovani avviati a tirocinio
  • 230 aziende aderenti

Per il 2013-2014 il progetto è in fase di conclusione e i risultati legati all’inserimento lavorativo sono in fase di elaborazione e saranno resi pubblici in un seminario a fine autunno.

Una concreta opportunità per i giovani – commenta l’Assessore al Lavoro Antonio Conrater per questo motivo continuiamo ad aderire con entusiasmo al progetto sviluppato dalla Fondazione Carsana. Il protocollo d’intesa è un esempio di sinergia positiva tra soggetti pubblici e privati per dare una risposta al problema della disoccupazione giovanile. I dati dello scorso anno sono incoraggianti e, dalle prime elaborazioni, indicano in circa il 53% la percentuale di stagisti che al termine del progetto sono stati poi assunti dall’azienda presso cui hanno prestato la loro opera. Anche per gli altri si è trattato di una esperienza positiva che aumenterà comunque le possibilità di trovare una nuova occupazione”.

“L’entrata nel mondo del lavoro – aggiunge Alessandra Carsana, Presidente della Fondazione Carsana – significa per un giovane la fine dell’adolescenza e la conquista della propria autonomia. Questo è l’obiettivo primo del progetto. Siamo purtroppo consapevoli che ciò che la Fondazione fa è una piccola goccia per ridurre la drammatica attuale situazione della disoccupazione giovanile, ma è quanto può fare con le risorse messe a disposizione unicamente dall’Impresa Pietro Carsana e da pochi altri soggetti privati. E’ triste constatare come il numero dei giovani richiedenti e quello delle offerte di partecipazione al progetto potrebbero consentire, con più fondi, un maggiore numero di giovani inseriti al lavoro”.

Per maggiori informazioni: Fondazione Pietro Carsana, telefono 0341 255425, fax 0341 250264, e-mail info@fondazionepietrocarsana.org, www.fondazionepietrocarsana.org.



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.