Inizia mercoledì 6 ottobre con Departures, proseguemercoledì 13 ottobre con Lourdesmercoledì 20 ottobre con Oltre le Regole la rassegna cinematografica CinEtica, promossa dalla Provincia di Lecco in collaborazione con l’Associazione Fabio Sassi e l’ACMT – Associazione per la Cura dei Malati in Trattamento Palliativo. A conclusione della rassegna,mercoledì 27 ottobre si svolgerà una conferenza-dibattito, guidata da Paolo Cattorini, docente di Bioetica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università dell’Insubria di Varese.

Le quattro serate della rassegna cinematograficaCinEtica si terranno presso la Sala Don Ticozzi, in via Ongania a Lecco, con inizio proiezione alle ore 21.00. L’ingresso è libero.

L’invito è rivolto a tutta la cittadinanza, in particolar modo a operatori e volontari che assistono malati terminali, per riflettere e confrontarsi su tematiche del fine vita, dall’atteggiamento della società nei confronti della malattia e della morte, al diritto di autodeterminazione del malato, dall’accompagnamento al morente, al rispetto della sua dignità fino all’ultimo istante.

CinEtica, che già dalla prima edizione ha riscosso un notevole successo di pubblico, rientra tra i programmi della Scuola di Formazione della Fabio Sassi percompletare il quadro formativo nell’assistenza ai malati terminali. Le Cure Palliative hanno avuto in quest’ultimo decennio un ampio sviluppo sul territorio nazionale. Anche Hospice e servizi di cure domiciliari sono incrementati notevolmente, colmando il vuoto assistenziale dei malati terminali dimessi dagli ospedali e affidati unicamente alla famiglia, malati che possono e devono essere curati anche se non sono più guaribili. La formazione del personale medico e infermieristico, che opera attorno a questi pazienti, è continua e riveste un ruolo importante perché definisce linee guida per un’assistenza che si muove in diverse direzioni, coinvolge numerose figure professionali e volontarie e contempla anche la sfera familiare. I contenuti formativi sono studiati sulla psicologia del malato, sulle sue esigenze e tengono conto dei cambiamenti sociali, toccando ambiti diversi: dal trattamento del dolore oncologico e dei principali sintomi, agli aspetti psicologici o etici delle Cure palliative.

In questo contesto CinEtica vuole rappresentare unponte tra “addetti ai lavori” e popolazione: è una proposta aperta a tutti per una sempre maggiore sensibilizzazione sul territorio sulle tematiche di fine vita. Il confronto, proposto dalle storie raccontate dai film, con realtà lontane e differenti, a volte anche complesse e inverosimili, ma emotivamente ricche, vuole essere un modo per scuotere e interrogare le coscienze, indurre riflessioni più profonde, cercando di sollecitare risposte personali.

“La filosofia alla base delle cure palliative, curare quando non è più possibile guarire, con la sua attenzione globale ai bisogni del malato e dei suoi familiari – commenta l’Assessore ai Servizi alla Persona e alla Famiglia Antonio Conrater – deve essere meglio conosciuta e percepita anche dalla popolazione. Per questo motivo, abbiamo voluto affiancare al corso di formazione avanzata in cure palliative, che si terrà ad Airuno da ottobre 2010 a gennaio 2011, una rassegna cinematografica sull’etica di fine vita. Per sensibilizzare l’opinione pubblica su queste tematiche, l’evento sarà destinato alla cittadinanza, oltre che agli operatori sociali e sociosanitari del territorio”.

“È importante – aggiunge il Presidente dell’Associazione Fabio Sassi Domenico Basile – che le problematiche dello stato terminale vengano accompagnate da una riflessione comune sul significato del morire nella nostra cultura. Sembra che l’esperienza dell’avvicinarsi della morte, nella nostra società, abbia perso quella dimensione sociale che aveva nella cultura delle generazioni precedenti. Essa viene oggi confinata alla stretta cerchia della famiglia e priva il morente di una vicinanza corale che può essere di grande conforto negli ultimi giorni. E’ questo il significato dell’accompagnamento che gli operatori sociali e sanitari della rete di cure palliative e i volontari dell’Associazione vogliono offrire al malato e alla famiglia, in Hospice e a domicilio, per assicurare qualità e dignità di vita fino all’ultimo”.

“Quando ci è stato proposto di partecipare alla rassegna cinematografica CinEtica – conclude la Presidente dell’ACMT Francesca Biorcio Mauri – abbiamo aderito con entusiasmo sia per la qualità dei film proposti, sia per sottolineare e rafforzare lo spirito di collaborazione tra Associazioni del territorio che hanno gli stessi obiettivi”.

Lecco, 30 Settembre 2010



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.