Servizi Idrici

  •  

AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO INDUSTRIALE IN PUBBLICA FOGNATURA

Il 13 giugno 2013 è entrato in vigore il Regolamento recante la disciplina dell’Autorizzazione Unica Ambientale e la semplificazione di adempimenti amministrativi in materia ambientale gravanti sulle piccole e medie imprese e sugli impianti non soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale, a norma dell’art.23 del D.L. 9/02/2012 n.5, convertito, con modificazioni, dalla Legge 04/04/2012 n.35, approvato con D.P.R. 13/03/2013 n.59 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.124 del 29/05/2013 – suppl. Ordinario n.42.

L’Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) è un provvedimento rilasciato dallo Sportello Unico per le attività produttive (SUAP) e sostituisce gli atti di comunicazione, notifica ed autorizzazione in materia ambientale per i sotto indicati titoli abilitativi:

a.

Autorizzazione agli scarichi di cui al Capo II del Titolo IV della Sezione II della Parte III del D.Lgs. 152/06;

b.

Comunicazione preventiva di cui all’art.112 del D.Lgs. 152/06, per l’utilizzazione agronomica degli affluenti di allevamento, delle acque di vegetazione dei frantoi oleari e delle acque reflue provenienti dalle aziende ivi previste;

c.

Autorizzazione alle emissioni in atmosfera per gli stabilimenti di cui all’art.269 del D.Lgs. 152/06;

d.

Autorizzazione generale di cui all’art. 272 del D.Lgs. 152/06;

e.

Comunicazione o nulla osta di cui all’art. 8 commi 4 e 6 della L. n. 447/95;

f.

Autorizzazione all’utilizzo dei fanghi derivanti dal processo di depurazione in agricoltura di cui all’art. 9 del D.Lgs. n. 99/92;

g.

Comunicazioni in materia di rifiuti di cui agli artt. 215 e 216 del D.Lgs. 152/06.

L’AUA, che ha durata di 15 anni a decorrere dalla data di rilascio, deve essere richiesta dalle piccole e medie imprese (PMI) di cui art. 2 del D.M.18 aprile 2005 nonché dagli impianti non soggetti ad AIA, alla scadenza del primo titolo abilitativo in possesso dello stabilimento o in caso di modifiche sostanziali allo stesso.

PRESENTAZIONE ISTANZE E MODULISTICA REGIONALE UNIFICATA

Con D.D.G. n. 5512 del 25 giugno 2014, la Regione Lombardia ha adottato la Modulistica unificata AUA al fine di uniformare la presentazione delle istanze su tutto il territorio lombardo. A partire dal 1° novembre 2014 l‘utilizzo della modulistica unificata è obbligatorio e ha sostituito la modulistica settoriale prima in uso.

Le istanze devono essere presentate al SUAP territorialmente competente esclusivamente con modalità telematica tramite la piattaforma MUTA (www.muta.servizirl.it) o tramite il sistema camerale “impresainungiorno” (www.impresainungiorno.gov.it).

Non è possibile la trasmissione delle istanze in modalità differenti da quelle sopra citate.

DOCUMENTI UTILI

I documenti inerenti l’AUA sono disponibili al seguente link:

www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/DettaglioServizio/servizi-e-informazioni/Imprese/Sicurezza-ambientale-e-alimentare/autorizzazione-unica-ambientale-aua/autorizzazione-unica-ambientale/autorizzazione-unica-ambientale

 

ONERI ISTRUTTORI

Come stabilito con D.G.R. 14 luglio 2015 n. 10/3827, dal 1 ottobre 2015 si applicano le modalità di determinazione degli oneri di istruttoria per l’Autorizzazione Unica Ambientale definiti nell’allegato alla deliberazione stessa.

Con specifico riferimento al titolo relativo allo scarico in fognatura, gli oneri di procedibilità, da corrispondere all’Ufficio d’ambito allegando la copia dell’avvenuto versamento all’istanza di AUA, sono 150 € in caso sia di rilascio, sia di rinnovo, sia di modifica sostanziale, quest’ultima da intendersi con riferimento alle lettere b e c del comma 2 dell’art. 17 dell’allegato 1 alla D.G.R. 20 gennaio 2010, n. 8/11045, ossia alle istanze relative a:

b. insediamenti, edifici o installazioni la cui attività sia trasferita in altro luogo ovvero soggetti a diversa destinazione, ad ampliamento o a ristrutturazione o comunque a significative  modifiche del ciclo produttivo da cui derivi uno scarico avente caratteristiche qualitativamente o quantitativamente diverse da quelle dello scarico preesistente;

c. incremento della quantità di acqua scaricata e/o peggioramento della qualità dello scarico, riferibili ad incrementi del livello produttivo o a sostanziali modifiche del ciclo produttivo o al mutamento delle condizioni della superficie scolante di pertinenza degli insediamenti, edifici o installazioni.

Poiché, in accordo con gli altri ATO lombardi, l’Ufficio d’ambito, di routine, istruisce tutti i procedimenti AUA comprendenti titoli relativi agli scarichi in fognatura, il versamento degli oneri è richiesto anche nel caso in cui l’istanza di AUA preveda il “proseguimento senza modifiche” del titolo; in questo caso l’importo è di 75 €.

In tutti i casi, alle tariffe sopra indicate si applicano i seguenti sconti (cumulabili):

– 40% o 30% in caso di certificazione ambientale rispettivamente EMAS o ISO 14001;

– 10% in caso di attività con numero di dipendenti minore o uguale a 5.

Di seguito si riassumono gli oneri da corrispondere all’Ufficio d’ambito nei vari casi:

senza sconti singolo sconto duplice sconto
dipendenti ≤ 5 certificazione ambientale certificazione ambientale + dipendenti ≤ 5
ISO 14001 EMAS ISO 14001 EMAS
rilascio/rinnovo/modifica sostanziale € 150,00 € 135,00 € 105,00 € 90,00 € 94,50 € 81,00
proseguimento senza modifiche € 75,00 € 67,50 € 52,50 € 45,00 € 47,25 € 40,50

Si rende disponibile il foglio di calcolo predisposto dalla Regione per la determinazione degli oneri.

Il versamento va effettuato con accredito sul c/c intestato all’Ufficio d’ambito di Lecco presso BCC Brianza e Laghi:

dal 13/11/2017 – IBAN: IT 02 F 08329 22900 000000280108

indicando come causale: “Nome della ditta – Oneri fissi per istruttoria pratica AUA scarichi acque reflue in fognatura”.

I procedimenti avviati prima dell’entrata in vigore del D.P.R. n. 59/2013, così come disposto dall’art. 10, saranno conclusi ai sensi delle norme vigente al momento dell’avvio degli stessi.

Sino a diverse determinazioni dell’Ente competente:

– la richiesta di VOLTURA di autorizzazione vigente (non AUA)
– la comunicazione di CESSAZIONE degli scarichi
– la comunicazione/richiesta di ASSIMILAZIONE ad acque reflue domestiche

possono essere presentate direttamente all’Ufficio d’Ambito con le consuete modalità:

1) trasmissione a mezzo posta ordinaria agli uffici dell’Ufficio d’ambito di Lecco – Corso Matteotti n.3, 23900 – Lecco (LC);

2) consegna a mano all’Ufficio Protocollo della Provincia di Lecco, piazza Lega Lombarda n. 4, negli orari di apertura al pubblico:
da lunedì a giovedì: 9.00 – 12.30 / 14.30 – 16.00
venerdì 9.00 – 12.00

3) trasmissione (posta ordinaria o consegna a mano) allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di competenza.

Scarica qui la MODULISTICA per la richiesta di voltura e altri aggiornamenti dei contenuti dell’autorizzazione allo scarico o per la comunicazione di cessazione dello scarico

Scarica qui la MODULISTICA per la comunicazione/richiesta per lo scarico in pubblica fognatura di acque reflue assimilate alle domestiche

Ai sensi della Legge n. 71 del 24/06/2013, il valore attuale della MARCA DA BOLLO è di euro 16,00

Responsabili dell’istruttoria, recapiti telefonici e caselle di posta elettronica

Roberto Fumagalli, tel. 0341295499, e-mail: roberto.fumagalli@provincia.lecco.it
Giuliano Melloni, tel. 0341295210, e-mail: giuliano.melloni@provincia.lecco.it
Elena Mozzanica, tel. 0341295491, e-mail: elena.mozzanica@provincia.lecco.it
Ilaria Tonola, tel. 0341295493, e-mail: ilaria.tonola@provincia.lecco.it
Veronica Sala, tel. 0341295248, e-mail: veronica.sala@provincia.lecco.it

Scarica il file in cui è indicato, per ogni comune della Provincia, chi è il responsabile dell’istruttoria.

Orari di apertura al pubblico degli uffici

lunedì e mercoledì: dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30

martedì, giovedì e venerdì: dalle 9.00 alle 14.00

Termine procedimento

Procedimento di autorizzazione allo scarico in pubblica fognatura delle acque reflue industriali: 90 gg. ai sensi del D.P.R. 59/2013 del 13.6./2013

Strumenti di tutela
Ricorso al TAR / revoca in autotutela



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.