Carta dei Servizi
  •  

QUOTE RISCOSSE INDEBITAMENTE E DEPOSITI CAUZIONALI: RESTITUZIONE

A chi rivolgersi

Direzione Organizzativa I – Bilancio e Finanze
Servizio Contabilità Generale
Tiziana Gatti
Ivana Todde
Tel. 0341 295 335-342
Fax 0341 295 348

tiziana.gatti@provincia.lecco.it
ivana.todde@provincia.lecco.it

Orari: lun-mer: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 17.30; mar-gio-ven dalle 9 alle 14

Normativa di riferimento

D.Lgs. 267/00; L. 212/00; D.Lgs. 231/02; Regolamento provinciale di contabilità; Regolamento generale delle entrate provinciali; Regolamento provinciale per l’applicazione del canone per l’occupazione di spazi e aree pubbliche.

Di cosa si tratta

Descrizione del procedimento
La Provincia provvede alla restituzione delle somme versate erroneamente e a chiusura del procedimento di quelle versate a titolo di deposito cauzionale, previa autorizzazione della Direzione competente.

A chi interessa

Soggetti pubblici o privati.

Cosa bisogna fare

Presentare domanda di restituzione, al settore competente, corredata di tutti i dati anagrafici, fiscali, identificativi della pratica e scelta delle modalità con cui il pagamento deve essere effettuato.
Il Settore competente valuta la correttezza della domanda e quindi autorizza il Servizio Ragioneria a emettere il mandato di pagamento.

I tempi

Restituzione: 10 gg lavorativi dalla data di arrivo della comunicazione dell’ autorizzazione al rimborso al Servizio Contabilità Generale, salvo eventuali richieste integrative. Aggiungere alla data di emissione mandato, i tempi degli Istituti di Credito per l’accredito bancario e di spedizione per l’invio dell’assegno a domicilio.

I costi e i moduli di riferimento

Eventuale costo di commissione bancaria e spese di spedizione per l’invio dell’assegno a domicilio.

Monitoraggio

Monitoraggio dei procedimenti
dal 01.01.2016 al 30.04.2016
n. procedimenti: 24
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 8 giorni

dal 01.05.2016 al 31.08.2016
n. procedimenti: 21
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 4 giorni

dal 01.09.2016 al 31.12.2016
n. procedimenti: 29
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 4 giorni

dal 01.01.2017 al 31.12.2017
n. procedimenti: 80
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 4 giorni

dal 01.01.2018 al 31.12.2018
n. procedimenti: 28
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 4 giorni

dal 01.01.2019 al 30.06.2019
n. procedimenti: 56
n. procedimenti che non hanno rispettato i tempi: 0
tempo medio di erogazione del servizio: 4 giorni

Archivio storico monitoraggio

Altre informazioni

Come previsto dalle disposizioni indicate dalla normativa sul procedimento amministrativo, Legge n.241/1990, art.5 ‘Responsabile del procedimento’, tutti i documenti amministrativi della Provincia di Lecco riportano l’indicazione del nominativo del responsabile del procedimento e del responsabile dell’istruttoria.

Per assicurare l’attuazione delle disposizioni di cui all’art.5 Legge n.241/1990, anche in funzione dell’art.35 c.1, lett.m), Decreto legislativo n.33/2013, per tutti i documenti amministrativi vengono applicate le seguenti indicazioni:
DETERMINAZIONI: nell’intestazione e nel determinato sono indicati nome e cognome del responsabile del procedimento e nome e cognome del responsabile dell’istruttoria
DELIBERAZIONI: nel deliberato è indicato nome e cognome del responsabile del procedimento
LIQUIDAZIONI: nella scheda di liquidazione sono indicati nome e cognome del responsabile del procedimento e nome e cognome del responsabile dell’istruttoria
LETTERE IN PARTENZA: sono indicati nome e cognome del responsabile del procedimento e nome e cognome del responsabile dell’istruttoria; viene inoltre indicato il recapito telefonico diretto, l’indirizzo di posta elettronica e di PEC



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.