Bilancio di fine mandato

  •  

Scuola – Piano dimensionamento scolastico

Il Piano di dimensionamento scolastico è stato oggetto di alcuni interventi di modifica, che hanno interessato l’assetto del Centro provinciale istruzione adulti Fabrizio de André di Lecco e il riordino delle autonomie scolastiche lecchesi.

Su proposta del Comune di Lecco sono stati riorganizzati gli Istituti comprensivi di Lecco città, passati da quattro a tre autonomie a partire dall’anno scolastico 2017/2018, cui ha fatto seguito, con effetto dall’anno scolastico 2018/2019, la modifica dell’assetto del Comprensivo Lecco 2, con la chiusura del plesso di scuola primaria Pio XI di Laorca.

Si sono concluse anche le azioni di monitoraggio dell’Istituto comprensivo di Calolziocorte, unica istituzione scolastica sovradimensionata del territorio (con una popolazione scolastica superiore a 1.750 alunni), che ha registrato nel quadriennio un progressivo ridimensionamento, ulteriormente confermato dal recente scorporo dei plessi di scuola primaria e secondaria di primo grado del Comune di Torre de Busi. I due plessi sono stati infatti aggregati al Comprensivo di Cisano Bergamasco, a seguito del passaggio di Torre de’ Busi alla Provincia di Bergamo (legge 225/2017). Con quest’ultimo intervento, che avrà effetto dall’anno scolastico 2019/2020, l’Istituto comprensivo di Calolziocorte passa da 1.757 studenti a 1.602 studenti.

Su proposta dei Comuni di Premana e Casargo è stato inoltre costituito l’Istituto omnicomprensivo di Premana, con sede della dirigenza a Premana, composto da tutti i plessi che fanno parte dell’attuale Istituto comprensivo e dal nuovo plesso di scuola secondaria di secondo grado con sede a Casargo negli spazi messi a disposizione dal Centro di formazione professionale alberghiero.

Tutte le attività legate al processo di pianificazione sono state valutate e condivise con l’Ufficio scolastico e il Comitato provinciale di indirizzo e coordinamento della rete scolastica e formativa.



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.