Ambiente

  •  

Sintesi dei dati sulla produzione e gestione dei rifiuti urbani in provincia di Lecco – anno 2010

 Nel 2010 la produzione dei Rifiuti Urbani totali in provincia di Lecco ha fatto registrare un modesto aumento rispetto all’anno precedente, probabilmente imputabile, almeno in parte, alla ripresa dell’economia e, in misura più contenuta, dei consumi delle famiglie. L’analisi dei dati mostra, infatti, come nel 2010 siano state prodotte 159.468 t di rifiuti urbani, 2.033 t in più rispetto al 2009, con un incremento dell’1,2%, a fronte di un aumento della popolazione di 2.475 unità (+0,7%).

A fronte della flessione osservata nel 2009, nello scorso anno i rifiuti urbani hanno quindi ripreso a crescere, secondo il trend altalenante rilevato a partire dall’anno 2003. Il tasso di crescita medio annuo composto nell’ultimo quinquennio risulta essere dell’0,4%, confermando l’ormai raggiunta stabilizzazione della crescita della produzione dei rifiuti urbani.

La crescita dei rifiuti urbani totali è stata accompagnata da un aumento di tutte le macrocategorie che convenzionalmente li costituiscono, ovvero la Frazione Residuale, le Raccolte Differenziate e i rifiuti Ingombranti a smaltimento.

La Frazione Residuale (rifiuto indifferenziato, raccolto con sacco trasparente o nero, e avviato a smaltimento mediante termovalorizzazione), con una produzione di 56.615 t ha fatto registrare un incremento di 809 t rispetto all’anno precedente, pari all’1,4%.

Le Raccolte Differenziate, in termini assoluti, hanno fatto registrare una ulteriore crescita rispetto al dato 2009: sono state raccolte in forma differenziata 94.274 t di rifiuti urbani, 1.204 t in più rispetto all’anno precedente, pari all’1,3%.

Nel 2010 la Provincia di Lecco ha raggiunto il 59,1% di raccolta differenziata, valore invariato rispetto all’anno precedente, in considerazione dell’incremento complessivo della produzione dei rifiuti urbani. Pertanto, dopo due anni in cui la percentuale di raccolta differenziata faceva osservare importanti incrementi, nel 2010 si è riscontrato un rallentamento della crescita, con il conseguimento di un livello di raccolta differenziata inferiore rispetto all’obiettivo stabilito dal Piano provinciale di gestione dei rifiuti (62%).

L’andamento delle raccolte differenziate nei comuni della provincia è molto diversificato: l’obiettivo previsto dal piano rifiuti risulta raggiunto, o addirittura migliorato, prevalentemente nei comuni briantei e nella Valle San Martino, mentre nelle aree a nord (Lago e Valsassina) si registrano generalmente percentuali di raccolta differenziata inferiori al traguardo stabilito.

Una conferma emerge dalla classifica dei circondari per percentuale di raccolta differenziata. Nel 2010 si conferma circondario “riciclone” della provincia di Lecco il Casatese con il 64,6%, seguito dal Meratese con il 63,6%; tali circondari risultano essere gli unici ad aver conseguito e migliorato l’obiettivo di raccolta differenziata stabilito dal piano rifiuti. Poco al di sotto dell’obiettivo di piano si collocano la Valle San Martino con il 61,8% e l’Oggionese con il 60,0%; a maggior distanza, invece, il Lario Orientale (56,2%) e il Lecchese (55,1%); chiude la graduatoria la Valsassina con il 46,0%.

Per quanto riguarda le performance dei singoli comuni, Monticello Brianza, con il 74,5% di raccolta differenziata, si conferma al vertice della classifica provinciale, seguito da Lierna con il 74%. Tra i comuni che hanno migliorato in modo significativo la propria percentuale di raccolta si distinguono i seguenti: Dorio con il 72,3%, che passa dal 33° al 5° posto della graduatoria, Rogeno ed Erve con il 67,5% (passano rispettivamente dal 53° al 18° e dal 40° al 20° posto), Torre de’ Busi con il 61,9% (passa dal 54° al 38°), Bellano con il 58,9% (passa dal 78° al 48° posto, grazie all’introduzione del sacco viola per la raccolta della frazione secca riciclabile). In fondo alla graduatoria, con percentuali inferiori al 35%, Morterone, i comuni della Valvarrone, Varenna, Vendrogno e Casargo.

 Scarica la sintesi completa:

Sintesi dati RU e RD 2010



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.