Ambiente

  •  

Sintesi dei dati sulla produzione e gestione dei rifiuti urbani in provincia di Lecco – anno 2014

Nel 2014 la produzione dei Rifiuti Urbani in provincia di Lecco ha registrato un modesto aumento rispetto all’anno precedente, in linea con l’andamento osservato nel 2013, e probabilmente imputabile, almeno in parte, alla ripresa dell’economia.

L’analisi dei dati mostra come nel 2014 sono state prodotte 154.656 t di rifiuti urbani, 1.628 t in più rispetto al 2013 (+1,1%). Le Raccolte Differenziate con una produzione di 94.064 t (considerando anche i materiali recuperati dai rifiuti ingombranti) hanno registrato, in termini assoluti, un aumento di 1.911 t rispetto al 2013 (+2,1%). La percentuale di raccolta differenziata è passata dal 60,2% al 60,8%, di poco inferiore all’obiettivo del piano rifiuti provinciale (62,8%).

Il traguardo conseguito è sicuramente di rilievo, tenuto conto del rallentamento della crescita delle raccolte differenziate registrato nel 2013. La Frazione Residuale, comprensiva dello spazzamento strade, con una produzione di 51.872 t ha registrato una riduzione di 581 t rispetto all’anno precedente, pari all’1,3%; tale diminuzione è imputabile principalmente alla componente spazzamento strade (-19,9%), mentre il rifiuto indifferenziato è rimasto sostanzialmente stabile (+0,5%).

Quanto alle performance dei singoli Comuni, nel 2014 si conferma al 1° posto Lierna, con il 76,2% di raccolta differenziata e un pro-capite di rifiuti differenziati pari a 444 kg/ab., seguito da Montevecchia e Dorio (74,6%). Chiudono la graduatoria, con percentuali inferiori al 35%, Morterone (25,1%), i Comuni della Valvarrone (Introzzo 27%, Sueglio 27,2%, Vestreno 31,4%, Tremenico 32,1%) e Varenna (28,5%).

Tra i Comuni che hanno migliorato in modo significativo la percentuale di raccolta si distinguono Montevecchia con il 74,6% (dal 7° al 2° posto), Torre de’ Busi con il 64,7% (dal 44° al 28° posto, dopo l’introduzione delle raccolte domiciliari del multi leggero e della carta, nel gennaio 2014), Cesana Brianza con il 61,3% (dal 62° al 49° posto), Civate con il 52% (dal 73° al 67° posto).

Tra i Comuni che hanno peggiorato i risultati conseguiti nel 2013 si segnalano Monte Marenzo (-4,3%) e Pescate (-3,1%). Il capoluogo passa dal 54,9% al 56%, confermando il 64° posto nella graduatoria provinciale. L’andamento della produzione dei Rifiuti Urbani e delle Raccolte Differenziate non è comunque omogeneo nel territorio provinciale, come conferma la classifica dei Circondari per percentuale di raccolta differenziata.

Nel 2014 la palma del Circondario “riciclone” spetta Casatese (65,5%), seguito dal Meratese (65%), gli unici ad aver conseguito e migliorato l’obiettivo di raccolta differenziata stabilito dal piano rifiuti. Poco al di sotto dell’obiettivo la Valle San Martino (61,7%), seguono l’Oggionese (60,9%), il Lario Orientale (59,6%) e il Lecchese (58,1%); chiude la graduatoria la Valsassina (46,5%).

 Scarica la sintesi completa: Sintesi completa_Dati RU e RD_2014



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.