Ambiente

  •  

Aria e siti contaminati

Sede: corso Matteotti 3 – Lecco

Referente del Servizio: ing. Francesco Tagliaferri
Telefono: 0341 295214
Fax: 0341 295333
E-mail: francesco.tagliaferri@provincia.lecco.it

Gli uffici sono aperti:
lunedìmercoledì: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 17.30
martedìgiovedìvenerdì: dalle 9 alle 14

 

Il Servizio si occupa delle competenze attribuite alla Provincia dalla L.R. 24 del 11.12.2006, con riferimento alla parte V° del D.Lgs. 152/2006, ossia all’esame, al rilascio ed al rinnovo delle autorizzazioni alle emissioni in atmosfera, delle competenze attribuite alle Province dal titolo 5° della parte III° del D.Lgs. 152/2006, con riferimento agli interventi di bonifica e ripristino ambientale di siti contaminati, e delle competenze attribuite in merito all’inquinamento acustico.

Per quanto riguarda i siti contaminati la Provincia ha il compito di effettuare accertamenti e di rilasciare apposita certificazione, attestante il completamento degli interventi di bonifica o di messa in sicurezza permanente. Chiunque cagioni il superamento delle concentrazioni soglia di contaminazione (CSC) nelle matrici ambientali (terreni, acque sotterranee), è tenuto alla messa in sicurezza dei luoghi, alla bonifica/messa in sicurezza permanente ed al ripristino ambientale delle aree inquinante. Pertanto, in seguito alla denuncia di evento potenzialmente in grado di contaminare un sito o di riscontro di contaminazioni storiche che possano comportare rischi di aggravamento della situazione di contaminazione, i soggetti interessati devono procedere alla caratterizzazione del sito, mediante analisi e campionamenti, ed alla successiva presentazione di una analisi di rischio sito-specifica e/o di un progetto di bonifica/messa in sicurezza permanente agli Enti territorialmente competenti.

Per quanto concerne le emissioni in atmosfera la Provincia ha il compito di La Provincia rilasciare l’autorizzazione per la costruzione e l’esercizio di impianti gche producono emissioni in atmosfera;

  • per le attività in deroga, trascorsi 45 giorni dalla presentazione dell’istanza, in assenza di obiezioni e richieste di integrazioni da parte dell’autorità competente. Per attività in ordinaria, termine massimo di 150 giorni dalla presentazione dell’istanza;
  • per i rinnovi, il termine massimo stabilito dall’art 281 D.lgs 152/06 e s.m.i.

 

PER SAPERNE DI PIU’:



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.