Lecco, 3 maggio 2018 – Martedì 17 aprile, presso la sede della Provincia di Lecco, si è svolto un incontro tra i rappresentanti dei Centri per l’Impiego di Lecco e Merate, guidati dal Dirigente della Direzione Organizzativa VI Lavoro e Centri per l’Impiego Roberto Panzeri, e una delegazione polacca della regione di Opole, composta da 17 funzionari della struttura dedicata alla Formazione professionale e al Lavoro, nell’ambito del programma europeo Exchange of experience and good practices in the field of vocational activation of people without employment and disadvantaged groups in the context of the implementation of the European Social Fund.

L’incontro, favorito dalla presenza di un traduttore italiano/polacco che ha consentito una reciproca e corretta comprensione, ha rappresentato un utile scambio di informazioni ed esperienze sui temi del lavoro, dell’organizzazione dei servizi pubblici per l’impiego e delle politiche attive del lavoro, mettendo a confronto il modello lombardo e lecchese di forte collaborazione tra servizi pubblici e privati, con quello polacco, maggiormente incentrato sul ruolo dei servizi pubblici.

La delegazione polacca ha espresso uno speciale apprezzamento per i servizi del Collocamento Disabili, in particolare per l’equipe di operatori specializzati (psicologi, educatori, assistenti sociali) che lavorano per l’inclusione lavorativa delle persone disabili. Inoltre, ha suscitato molto interesse la centralità che ogni persona beneficiaria di politiche attive del lavoro assume nel nostro modello, grazie all’attivazione di percorsi personalizzati di accompagnamento al lavoro.

Al termine, gli ospiti polacchi hanno visitato il Centro per l’Impiego di Lecco, potendo vedere come sono organizzati i suoi diversi uffici (sportello Aziende, ufficio Iscrizioni, Collocamento Disabili e Fasce deboli, Politiche attive del Lavoro, Unità di Gestione crisi aziendali, sportello Tirocini, ufficio Incontro Domanda Offerta di Lavoro, Centro Risorse Donne).



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.