Lecco, 27 settembre 2017 – Lunedì 25 settembre, presso la sede della Provincia di Lecco, si è riunita la Commissione Provinciale Unica per le Politiche del Lavoro, alla quale hanno partecipato il Consigliere provinciale delegato al Lavoro Giuseppe Scaccabarozzi, accompagnato dal Dirigente del Settore Lavoro Roberto Panzeri e dalla responsabile del Servizio Collocamento Disabili Cristina Pagano, e i rappresentanti di ANCE, API, Confartigianato, Confindustria, CGIL, CISL e UIL.

I referenti della Provincia di Lecco hanno fornito alle parti sociali un quadro dettagliato delle azioni svolte nell’ultimo anno dai principali servizi del Centro per l’Impiego, a partire dal Collocamento Disabili, e hanno illustrato gli interventi da mettere in campo nei prossimi mesi a beneficio delle diverse tipologie di utenti.

In particolare, è stata presentata la programmazione delle attività del Fondo Disabili 2017 – Masterplan 2017, una serie articolata di interventi a favore dell’inserimento lavorativo dei disabili e delle persone in condizione di svantaggio per un importo complessivo di oltre 1.100.000 euro.

All’interno del Masterplan 2017 è previsto lo stanziamento di 424.142,49 euro per la Dote Impresa 2017 e di 491.418,16 euro per la Dote Lavoro Disabilità 2017.

Inoltre, sono stati illustrati i progetti Corimbo, destinati ai giovani anche con ritardo cognitivo che necessitano di un orientamento al lavoro per poter valutare meglio la loro collocabilità. Questi progetti costituiscono il cuore delle azioni di sistema promosse della Provincia di Lecco nell’ambito del Masterplan 2017, grazie a un finanziamento regionale di 67.011,57 euro al quale la Provincia ha aggiunto un contributo di 10.988,43 euro, per un totale di 78.000 euro.

Sono state illustrate anche le Azioni di Rete per il Lavoro – ambito Disabilità previste dalla Deliberazione della Giunta regionale 6885/2017, con uno stanziamento di 36.000 euro finalizzato alla sperimentazione di azioni per l’inserimento lavorativo di persone disabili, non immediatamente collocabili, iscritte al Collocamento Mirato.

Gli iscritti al Collocamento Disabili sono 2.404, di cui 463 nel 2017, in crescita rispetto ai 2.239 dell’anno precedente. Le azioni a supporto dell’inserimento lavorativo svolte dalla Provincia di Lecco hanno portato all’avviamento al lavoro di circa 355 persone e all’attivazione di circa 600 tirocini.

“Sono pienamente soddisfatto delle attività svolte per il reinserimento lavorativo dei disabili e delle persone svantaggiate – commenta il Consigliere provinciale Giuseppe ScaccabarozziCiò è reso possibile dal lavoro qualificato e dalla sensibilità dei nostri uffici. Occorre evidenziare che la Provincia di Lecco è una delle poche Province lombarde che utilizza in modo proficuo tutte le risorse assegnate”.

Attenzione puntata anche sugli obblighi occupazionali delle aziende pubbliche e private della provincia di Lecco, rispetto ai quali si registrano solo 20,5 posti per disabili ancora scoperti (6,5 presso gli enti pubblici e 14 presso aziende private). Il modello adottato dalla Provincia di Lecco per ridurre al minimo le scoperture si è imposto come il migliore a livello regionale dal punto di vista dell’efficienza del sistema e dei risultati raggiunti.

Inoltre, è stato fornito un aggiornamento sul prossimo rinnovo triennale del protocollo d’intesa alla base del Tavolo provinciale di Networking, lo strumento attivato nel 2011 dalla Provincia di Lecco per favorire il confronto e la collaborazione sui temi del mercato del lavoro con gli enti accreditati ai servizi per il lavoro e alla formazione del territorio provinciale.

Un focus finale è stato dedicato all’avviso Azioni di Rete per il Lavoro, la misura emanata da Regione Lombardia alla metà dello scorso giugno che finanzia azioni di rete rivolte a gruppi di lavoratori coinvolti in crisi aziendali alla ricerca di una nuova occupazione.

Al termine della discussione, le linee d’azione programmatoria prospettate dalla Provincia sono state condivise dai partecipanti.



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.