Lecco, 7 settembre 2017 – Dopo l’anteprima con la stagione primaverile di Altri Percorsi a cura del Comune di Lecco, svoltasi tra aprile, maggio e giugno, continua sul territorio della provincia di Lecco la rassegna Circuiti Teatrali Lombardi.

La partnership tra Provincia di Lecco, ente capofila e di coordinamento dei Comuni che hanno aderito (Civate, Lecco, Malgrate, Mandello del Lario, Merate, Oggiono e Valmadrera), e Regione Lombardia, che sostiene la rassegna, garantisce anche nel 2017 la realizzazione del progetto di indubbio valore artistico, nonostante le difficoltà economiche degli ultimi tempi.

Sottolineo l’importanza della continuità dei Circuiti, grazie alla volontà della Provincia di Lecco e dei Comuni di continuare a investire nella cultura, ritenendola un mezzo efficace di promozione sociale – commenta il Consigliere provinciale delegato alla Cultura e al Turismo Luigi ComiLa 14^ edizione propone, come di consueto, nuovi spettacoli con una programmazione accattivante per il pubblico e rappresentazioni di pregio che favoriscono la contaminazione tra diverse forme di spettacolo, valorizzando gli spazi teatrali del territorio con un occhio di riguardo alle produzioni di compagnie lombarde. Un sentito ringraziamento agli amministratori dei Comuni aderenti e a Regione Lombardia, che con il suo sostegno consente l’effettiva realizzazione del progetto. Il teatro è componente essenziale dei processi di promozione, sviluppo e diffusione della cultura e deve essere valorizzato e promosso con tenacia e determinazione. Auguro al pubblico della provincia di Lecco una stagione ricca di stimoli, con la speranza che la rassegna possa proseguire anche nei prossimi anni e con l’auspicio che anche la stagione autunno-inverno abbia lo stesso seguito di Altri Percorsi, per avvicinare al teatro nuovi e appassionati cittadini/spettatori, soprattutto giovani”.

I Circuiti Teatrali Lombardi riprenderanno giovedì 14 settembre alle 21.00 all’Auditorium comunale di Merate.

“Anche quest’anno – sottolinea l’Assessore alla Cultura del Comune di Merate Giusi SpezzaferriCircuiti Teatrali Lombardi è un’ulteriore occasione che ci permette di continuare a offrire al pubblico della nostra città e del territorio lecchese spettacoli di qualità, grazie al cofinanziamento di Regione Lombardia e al coordinamento di Provincia di Lecco. La rassegna si apre giovedì 14 settembre con Il ritratto della salute, con Chiara Stoppa e la regia di Mattia Fabris; un monologo, una storia, un’attrice che mette in scena se stessa, un testo che affronta senza riserve il tema della malattia, il cancro su cui il mondo ha posto un tabù. Si prosegue giovedì 5 ottobre con La Molly divertimento alle spalle di Joyce con protagonista Anna Scommegna, graditissimo ritorno, regia di Gabriele Vacis; un’altra donna sola sul palcoscenico che in bilico tra il romanzo, L’Ulisse di Joyce, e la vita ne racconta frammenti scanzonati o dolenti”.

Don Chisciotte, cavaliere del Barocco, a cura di Teatro in Mostra, è l’appuntamento offerto dal Comune di Oggiono che anche quest’anno ha aderito a Circuiti Teatrali Lombardi – aggiunge l’Assessore alle Culture, Tradizioni, Autonomie e Identità locali del Comune di Oggiono Elena Ornaghi – L’opportunità offerta da Ville Aperte in Brianza di ospitare lo spettacolo presso Cascina Ghisolfa, aperta per l’occasione domenica 1 ottobre alle 17.30 con ingresso libero, ci permette di rispondere pienamente ad alcuni elementi caratterizzanti di Circuiti Teatrali Lombardi: non solo ricerca e sperimentazione del linguaggio teatrale, ma anche scenografica tematizzazione delle avventure picaresche dell’eroe di Cervantes in un ambiente di fascino agreste e storico”.

Con Toren della Compagnia Sonics (titolo subentrato a La vera leggenda di Cenerentola) – evidenzia l’Assessore ai Servizi Sociali e Culturali del Comune di Mandello del Lario Luca Picariello il Teatro Comunale Fabrizio De André apre le sue porte anche quest’anno con uno spettacolo aereo-acrobatico con la Compagnia di acrobati, artisti e performers Sonics, che saprà allietare un pubblico di grandi e piccini, di giovani e famiglie. Lo spettacolo è programmato domenica 29 ottobre alle 20.30”.

Quest’anno i Comuni di Civate, Malgrate e Valmadrera hanno voluto dare spazio a un’arte diversa dal teatro e dalla musica, valorizzando la danza, indubbiamente, insieme al teatro e alla musica, una delle tre arti sceniche principali nell’antichità e, sicuramente, la prima espressione artistica del genere umano perché ha come strumento il corpo.

Abbiamo pensato – commentano gli Assessori alla Cultura dei Comuni di Valmadrera Raffaella Brioni e di Civate Angelo Isella che quest’arte è sempre stata lo specchio della società, del pensiero e dei comportamenti umani. Ecco perché la scelta è caduta su due spettacoli dove il corpo e soprattutto il sentimento con mente e cuore sono i protagonisti. Siamo orgogliosi di presentare due spettacoli a cura di Teatro Blu con Silvia Priori protagonista. Il primo sabato 18 novembre alle 21.00 all’Auditorium Centro Culturale Fatebenefratelli di Valmadrera con Tango di periferia: lo spettacolo racconta la nascita del tango attraverso momenti di narrazione, canto, danza e musica dal vivo; poesia, dramma e sensualità si fondono armoniosamente tra le pagine legate al tema dell’immigrazione in Argentina. Venerdì 24 novembre alle 21.00 al Salone dell’Oratorio in piazza della Chiesa a Civate il secondo spettacolo con Carmen”.

Continua la nostra collaborazione con Civate e Valmadrera – dichiara il Sindaco di Malgrate Flavio Polano – Lo abbiamo fatto anche perché con i due Comuni siamo in convenzione per la gestione associata delle iniziative culturali. Inoltre la tematica scelta, attraverso il linguaggio della danza, e la modalità degli aspetti organizzativi ci sono sembrate coerenti con lo spirito dei Circuiti Teatrali Lombardi. Lo spettacolo All we dance, a cura di Arte Danza Lecco, in programma sabato 11 novembre alle 21.00 nella Sala Convegno Parrocchiale a Malgrate, valorizza una realtà presente nel nostro territorio”.



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.