Spettacoli di teatro danza nei Comuni di Merate, Casatenovo, Imbersago, Robbiate e Monticello Brianza (Villa Greppi)

Dal 18 settembre al 18 ottobre torna la danza in Provincia di Lecco grazie al Festival Caffeine -incontri con la danza. La quinta edizione della rassegna di teatro danza e danza contemporanea è ideata, organizzata e diretta dall’Associazione Piccoli Idilli, che fa della ricerca sugli spazi non convenzionali per le arti dal vivo, la sua cifra poetica e il suo punto di forza. Le bellezze architettoniche e paesaggistiche della Brianza lecchese sono ridisegnate dall’arte dal performer.
Nata nel 2010, nei cinque anni di programmazione Caffeine si è distinta per vocazione all’internazionalità delle proposte e per la promozione di artisti under 35, presentando e sostenendo coreografi agli esordi o creatori di progetti innovativi. Danza di strada, teatro danza, site specific, danze etniche, hip­hop, danza d’autore e di genere, incontri pubblici, conferenze a tema, spettacoli e laboratori per ragazzi fanno di Caffeine uno degli appuntamenti culturali più seguito e apprezzato dai giovani del territorio lecchese.

Inaugurazione il 18 settembre con un omaggio di Marta Bevilacqua della compagnia Arearea : Schnurrbart, in tedesco baffi, progetto coreografico dedicato a Friedrich Nietzsche, filosofia danzata, a occhi chiusi, nella splendide sale della Villa Confalonieri di Merate.

Il 19 settembre a Villa di Mariani a Casatenovo, Fragile Artists presenta Nowhere incontro di danza e fotografia.
Quattro danzatrici dirette da Noemi Bresciani ci conducono tra frustrazioni, desideri, vizi e provocazioni della cosiddetta “Generazione fragile”.

Il 20 settembre alle 18,30 in Piazza Mazzini a Casatenovo Massimo Trombetta presenta un assolo di danza di strada: Improvviso

La serata del 20 settembre prosegue al Nuovo Auditorium, di Merate è prevista una conferenza spettacolo di Marco Belpoliti dal titolo L’abito fa il monaco. Attraverso una serie di immagini, Marco Belpoliti prova a costruire una storia del costume politico e della società italiana. Un viaggio tra cappotti, giacche, gonne, occhiali, cravatte, ma anche mani levate, segni, posture, pernacchie e corna, un’antropologia dell’Italia e dei suoi leader politici.

La serata del 20 settembre si conclude, sempre all’Auditorium di Merate, con Virgina Spallarossa che presenta il suo HO | ME. La casa come un doppio di sé, una seconda pelle, doppione materiale e mentale del corpo, essere vivente e prolungamento di chi la abita.

Il 21 settembre il grande successo di Bis-Brianza in scena e il suo Sogno di una notte di mezza estate nel quale il pubblico è coinvolto, guidato in un percorso e immerso nello spazio scenico.

All’interno del ricco programma dell’edizione 2014 spicca l’appuntamento del 26 settembre al Teatro Cenacolo Francescano di Lecco, Nessuno sa di noi, che vede impegnata in scena Julie Ann Stanzak, strepitosa e intensa interprete della compagnia Tantheater Wuppertal di Pina Bausch, accompagnata da Mattia Peretto, danzatore con la sindrome di down. Un dialogo sull’uomo ideale, immaginato, e l’uomo reale, concreto, che è presenza, diretto da Antonio Viganò del Teatro Ribalta, regista dal talento straordinario che ha già regalato al pubblico lecchese spettacoli di sorprendente poesia e leggerezza.

Accedi al sito web del festival.



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.