Lecco, 26 agosto 2014 – Dal 1° settembre cambiano i prezzi dei titoli di viaggio per gli autobus extraurbani di Lecco Trasporti. L’aggiornamento avviene a seguito delle disposizioni regionali che annualmente stabiliscono le tariffe per i servizi di trasporto pubblico su ferro e su gomma.

Per il trasporto su gomma extraurbano l’aumento applicato in provincia di Lecco, approvato nella seduta di Giunta di oggi, consiste in un ritocco totale pari a 0,81%, ovvero 0,60% + 0.21%, corrispondenti rispettivamente all’adeguamento dell’anno corrente e a quello del 2013, che non era stato applicato per specifica volontà della Provincia di Lecco.

L’adeguamento riguarda tutti i biglietti e fasce chilometriche ma, a fronte della percentuale di aumento dello 0,81%, alcuni biglietti non subiscono aumenti a causa del loro valore di partenza e dell’arrotondamento deciso da Regione Lombardia. Il nuovo sistema di tariffario non include infatti il biglietto di corsa singola, che rimane invariato e fermo a euro 1.30 per la fascia A (percorrenza tra 0 e 5 km) e pressoché invariato, passando da 5,25 a 5,30 euro, per la fascia L (percorrenza da 50,1 a 60 km).

Per gli abbonamenti della fascia F (percorrenza da 25,1 a 30 km), una tra le più utilizzate, l’abbonamento settimanale di 5 giorni prevede l’aumento di 0,10 euro (da 17,50 a 17,60 euro); per la stessa fascia l’abbonamento mensile passa da 73,50 a 74,00 euro, mentre l’abbonamento annuale passa da 705 euro a 711 euro.

Restano inoltre in vigore le agevolazioni per gli studenti: sempre per la fascia F la tipologia di abbonamento annuale studenti passa da 589 a 594 euro.

L’Assessore ai Trasporti e Mobilità Franco De Poi commenta: “Siamo riusciti anche in questa occasione a mantenere praticamente invariati i prezzi di acquisto dei diversi titoli di viaggio: questo non era scontato ed è stato possibile grazie a un’attenta analisi delle necessità e dei bisogni, e alla conseguente razionalizzazione del servizio orientata alle nuove necessità ed esigenze. Purtroppo i continui tagli imposti dallo Stato centrale hanno richiesto di attuare la scelta, per mantenere pressoché costante il numero di corse effettuate senza aumentare i costi a carico dell’utenza, di eliminare l’accordo integrato ferro-gomma che consentiva, su alcune tratte, di ridurre i costi del titolo di viaggio quando si prende sia il treno che l’autobus. A questo riguardo voglio evidenziare che la Provincia di Lecco ha recepito e introdotto il titolo di viaggio integrato IVOP (Io Viaggio Ovunque in Provincia) che, al costo invariato di 72 euro mensili, consente di muoversi liberamente con ogni mezzo pubblico (sia su gomma che su ferro) all’interno dei confini provinciali. Questa forma di integrazione tariffaria, libera e senza vincoli, rappresenta quindi la nuova sfida per una mobilità moderna e sostenibile, che personalmente ho sostenuto e mi auguro possa essere sviluppata anche in futuro. In periodi di crisi economica, con la forte penalizzazione delle risorse a disposizione degli Enti locali per i servizi ai cittadini, riuscire a mantenere alti gli standard di qualità del servizio, garantendo la fruibilità per tutti i cittadini e gli studenti grazie a prezzi accessibili, è una delle prerogative di questa Amministrazione. Riconosciamo infatti le potenzialità e il contributo positivo che la mobilità sviluppata in termini di fruizione collettiva può portare ai cittadini e al territorio in termini di riduzione dell’emissione di gas inquinanti, di supporto alle esigenze delle famiglie che devono rinunciare sempre più spesso al possesso dell’automobile privata, di decongestionamento delle strade e dei centri abitati”.



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.