Lecco, 25 luglio 2014 – In relazione ai nuovi arrivi di profughi sul territorio lecchese, il Presidente f.f. Vice Presidente Vicario Stefano Simonetti comunica quanto segue:

“Ho ricevuto in questi giorni segnalazioni e richieste di interessamento, oltre che di preoccupazione manifestata da amministratori e cittadini, riguardanti i numerosi immigrati collocati nelle strutture del territorio, in particolare gli ultimi 15 arrivi presso la struttura del COE di Esino Lario. Pertanto ho chiesto al Prefetto di Lecco un interessamento urgente presso la Presidenza del Consiglio e le Autorità competenti, affinché vengano effettuate in tempi strettissimi, se non immediati, le verifiche previste dalla normativa dal punto di vista sanitario e dal punto di vista giuridico, per la reale sussistenza dello status di rifugiato politico in capo ai predetti immigrati, che a oggi risultano 115 sul territorio provinciale. Inoltre ho chiesto al Prefetto di valutare la necessità e/o l’opportunità di un maggiore presidio del territorio da parte delle Forze dell’Ordine in collaborazione con la Polizia locale e provinciale. Infine nella mattinata di sabato 26 luglio mi recherò per un sopralluogo a Esino Lario per esaminare la situazione e valutare personalmente le condizioni di tipo tecnico dell’edificio deputato a ospitare queste persone. Voglio rendermi conto di persona della situazione sempre più grave e preoccupante e auspico che ci sia una risposta immediata da parte delle Autorità competenti in materia sanitaria e di verifica giuridica dello status di questi migranti”.



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.