Lecco, 4 ottobre 2013 – Buone notizie per i 13 dipendenti della società Lariana Costruzioni e Asfalti di Rogeno, dichiarata fallita lo scorso 8 febbraio 2013: a distanza di alcuni mesi dal Tavolo istituzionale, tenutosi lo scorso 30 aprile presso la sede territoriale di Lecco di Regione Lombardia, il Ministero del Lavoro ha autorizzato la corresponsione del trattamento straordinario di integrazione salariale in favore dei dipendenti ancora in forza all’impresa, che durerà fino al 7 febbraio 2014.

Dopo la sentenza di fallimento dell’azienda, le Organizzazioni sindacali dei lavoratori dell’edilizia si erano subito mobilitate per chiedere al curatore fallimentare Paolo Brivio la presentazione della domanda di cassa integrazione straordinaria e si era giunti alla convocazione del Tavolo istituzionale in sede regionale, al quale avevano partecipato i rappresentanti di Regione Lombardia, dell’ARIFL (Agenzia Regionale Istruzione, Formazione, Lavoro), della Provincia di Lecco, il Curatore fallimentare Paolo Brivio e i rappresentanti di FILLEA CGIL Giancarlo Lupinu e di FILCA CISL Giuseppe Di Geronimo, per verificare la sussistenza dei parametri sulla base dei quali il Ministero del Lavoro decide se concedere l’autorizzazione dell’ammortizzatore straordinario e per creare le condizioni per la soddisfazione dei parametri stessi.

Ora l’esito positivo del percorso di autorizzazione ministeriale premia lo sforzo delle Istituzioni, della Curatela e delle Organizzazioni sindacali di fare rete e creare le migliori condizioni per garantire un prezioso ammortizzatore per i dipendenti dell’impresa fallita che non hanno ancora trovato una nuova occupazione, garantendo al contempo gli interessi dei creditori della società.

Siamo soddisfatti del risultato raggiunto – spiega l’Assessore al Lavoro Antonio Conrater anche perché si trattava del primo Tavolo istituzionale convocato per la verifica dei requisiti definiti dal decreto ministeriale 70750 del 4 dicembre 2012. In occasione dell’incontro in Regione, anche grazie all’intervento dei rappresentanti di ARIFL, abbiamo ricomposto alcune divergenze interpretative sulla possibilità di richiedere la cassa straordinaria sorte tra la Curatela e i sindacati. Tutti gli attori hanno portato un contributo al soddisfacimento dei requisiti per l’ottenimento dell’ammortizzatore e l’esito positivo di questo primo Tavolo ci fa ben sperare per altre crisi aziendali con caratteristiche analoghe a questo fallimento. La Provincia di Lecco ha rispettato l’impegno di avviare percorsi di ricollocazione del personale e sta seguendo il percorso di reinserimento professionale dei lavoratori”.

“Dopo mesi di incertezza sul destino dei 13 dipendenti del Fallimento Lariana Costruzioni e Asfalti – commenta il funzionario della FILLEA CGIL di Lecco Giancarlo Lupinu – possiamo ritenerci soddisfatti del risultato positivo ottenuto, che consente ai lavoratori l’accesso alla cassa integrazione guadagni straordinaria. Come FILLEA CGIL di Lecco ritenevano assolutamente fondata la possibilità di ottenere l’ammortizzatore sociale, secondo quanto previsto dal decreto ministeriale 70750 del 4 dicembre 2012. L’autorizzazione del Ministero testimonia il buon lavoro svolto dalle Organizzazioni Sindacali, dalla sede territoriale di Lecco di Regione Lombardia, dall’Unità di Crisi della Provincia di Lecco, dal Curatore Paolo Brivio e il ruolo determinante avuto dall’ARIFL. Vanno però evidenziati i ritardi derivanti dalla procedura fallimentare che hanno significativamente posticipato il pagamento dell’indennità di cassa integrazione guadagni straordinaria a nei confronti di lavoratori, già peraltro economicamente in difficoltà. Il buon esito della vicenda è di buon auspicio per analoghe procedure fallimentari che riguardano il nostro territorio”.



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.