La recentissima sentenza di Torino sugli effetti cancerogeni dell’eternit ha riportato all’attenzione dell’opinione pubblica il tema ancora attuale dello smaltimento dell’amianto presente in abbondanza sul territorio.
Per questo l’Assessorato all’Ambiente della Provincia di Lecco, insieme ad ASL, ARPA e Legambiente, ha istituito un tavolo di lavoro concordando una campagna informativa da tenere nei prossimi mesi indirizzata ad amministratori locali e cittadini.

Il problema dello smaltimento è più che mai attuale – ha dichiarato l’Assessore all’Ambiente Carlo Signorellisia per lo stato di progressivo degrado di molte strutture che per la sottostima del censimento a suo tempo effettuato; in questa fase amministrazioni e associazioni devono essere maggiormente responsabilizzati ai casi che richiedono interventi urgenti”.

Nella nostra provincia la bonifica dei siti con eternit è in continua ascesa.Negli ultimi due anni il numero di piani di lavoro valutati è di oltre 600 l’anno per complessivi 350.000 mq/annui di coperture bonificate”- illustra il Dott. Antonio Gattinoni, Direttore Sanitario ASL.

Nella prima seduta del tavolo di lavoro del 24 gennaio scorso – alla quale hanno partecipato l’Assessore Signorelli con i funzionari del Settore Ambiente, i dottori Giovanni Achille, Rita Cattaneo e Giuliana Saba per l’Asl, il Direttore dell’Arpa di Lecco Angelo Pirovano e una rappresentanza provinciale e regionale di Legambiente – è emersa la proposta di organizzare un primo convegno di informazione e di approfondimento sul tema, rivolto principalmente agli amministratori comunali e agli operatori del settore.
Il convegno, che si terrà probabilmente a fine marzo, sarà l’occasione per una prima diffusione di materiale informativo e potrà costituire un importante punto di partenza per un programma di sensibilizzazione e di assistenza sul territorio, con la collaborazione di soggetti che si pongano come interfaccia tra le istituzioni preposte e i cittadini.



Sito accessibile certificato CNIPA
Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.